facebook rss

Ascoli, debutto con il Cosenza
poi a Perugia, quindi il Lecce
Una farsa: può ancora saltare tutto

SERIE B - Incredibile ennesima pagina nera per lo sport italiano. La Federcalcio ha tentato di bloccare i calendari. Un mega spezzatino senza precedenti che prevede un anticipo il venerdì alle ore 21, poi tre partite il sabato alle 15 e una alle 18, quindi una gara alle 15 e una alle 21 della domenica e infine il posticipo del lunedì alle ore 21. Stabiliti anche cinque turni infrasettimanali e quattro pause per la Nazionale. Lo scontro per i mancati ripescaggi continua e, dopo la Figc, forse verrà commissariata anche la Lega B

di Bruno Ferretti

La Serie B rischia di sprofondare nel caos più assoluto. Oggi a Milano, dopo una lunga serie di ricorsi, minacce di querele e violenti scontri verbali fra Lega di B e Federcalcio, è stato sorteggiato il calendario del prossimo campionato 2018-2019 ma é stato un parto molto difficile causa la feroce battaglia legale tuttora in corso fra Lega B e Figc. Tanto che il calendario potrebbe essere addirittura annullato e rifatto essendo viziato da evidenti irregolarità regolamentari. Il discorso resta aperto e, insomma, non si possono escludere altri clamorosi colpi di scena. Il caos continua in attesa di maggiore chiarezza. Non è da escludere che la Lega B possa seguire lo stesso destino della Figc, ovvero essere commissariata con conseguente siluramento dell’attuale presidente Mauro Balata.
La causa principale del contendere resta l’abolizione dei ripescaggi che erano stati decisi sulla base di precisi criteri (Novara, Catania e Siena in B al posto di Bari, Cesena e Avellino). Le squadre escluse non si sono date per vinte annunciando ricorsi anche alla giustizia ordinaria per tutelare i loro diritti. Alla fine è prevalso il buonsenso e, dopo oltre un’ora di ritardo, finalmente è stato elaborato il calendario della nuova B a 19 squadre. A rappresentare l’Ascoli il direttore generale Gianni Lovato.

Lovato a Milano davanti ai microfoni della Rai

SPEZZATINO, RIPOSI E INFRASETTIMANALI – L’anticipo si giocherà sempre il venerdì alle ore 21, il sabato si giocheranno tre partite alle ore 15 e una alle ore 18, la domenica una alle ore 15 e una alle ore 21, infine il posticipo del lunedì alle ore 21. Cinque i turni infrasettimanali previsti: martedì 25 settembre, martedì 30 ottobre, giovedì 27 dicembre, martedì 26 febbraio, martedì 2 aprile. Il campionato si fermerà, per gli impegni della Nazionale, sabato 8 e domenica 9 settembre 2018, sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018, sabato 17 e domenica 18 novembre 2018, sabato 23 e domenica 24 marzo 2019. La sosta invernale va dal 31 dicembre 2018 al 19 gennaio 2019. Si giocherà sia a Pasquetta (22 aprile 2019) che il 1° maggio 2019.

LE 18 PARTITE DELL’ASCOLI – L’Ascoli esordirà sabato 25 agosto, cioè fra meno di due settimane, ospitando al “Del Duca” il neopromosso Cosenza, poi si recherà a Perugia e quindi di nuovo in casa con il Lecce, altra neopromossa. Osserverà il proprio turno di riposo alla quarta giornata, quindi disputerà nell’ordine le seguenti partite: Salernitana-Ascoli, Ascoli-Cremonese, Foggia-Ascoli, Ascoli-Carpi, Livorno-Ascoli, Verona-Ascoli, Benevento-Ascoli, Ascoli-Padova, Pescara-Ascoli, Ascoli-Spezia, Venezia-Ascoli, Ascoli-Cittadella, Ascoli-Brescia, Palermo-Ascoli, Ascoli-Crotone. La squadra di Vivarini chiuderà il girone di andata ospitando il Crotone, pertanto chiuderà il campionato a maggio 2019 in Calabria.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X