facebook rss

Caso Diciotti, mezzo dietrofront
della Curia ascolana:
«Accogliamo tutti, non solo i migranti»

ASCOLI - La Diocesi ascolana interviene dopo la disponibilità annunciata dal vescovo D'Ercole: «E' apparso doveroso mettersi a disposizione della Conferenza Episcopale esclusivamente nei limiti delle proprie possibilità e senza sottrarre alcun tipo di risorsa, alle persone bisognose del territorio»

Dopo la disponibilità annunciata dal vescovo Giovanni D’Ercole (presente all’incontro delle famiglie a Dublino-Irlanda) ad accogliere qualcuno dei migranti sbarcati dalla nave Diciotti arriva la presa di posizione ufficiale della Diocesi. «La nostra attività di solidarietà – afferma la Curia ascolana – è universale ed è rivolta alle persone che si trovano in difficoltà senza distinzione di razza nazionalità e provenienza.

Il vescovo D’Ercole

A seguito dell’intervento della Cei, peraltro apprezzato dalla autorità Istituzionale Italiana che ha ringraziato e chiesto sostegno diffuso, è apparso doveroso mettersi a disposizione della Conferenza Episcopale esclusivamente nei limiti delle proprie possibilità e senza sottrarre alcun tipo di risorsa, alle persone bisognose del territorio e solo ed esclusivamente sino a quando le Autorità Istituzionali non avranno chiarito la posizione di ciascun immigrato proveniente dalla “Diciotti” e non si sia accertato il singolo diritto soggettivo a permanere o meno nel territorio dello Stato nel pieno rispetto delle norme che presiedono all’ingresso ed al soggiorno».

Il vescovo D’Ercole pronto ad accogliere i migranti sbarcati dalla nave Diciotti


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X