facebook rss

Ascoli, il Comune rimborsa
la tassa sul bonifico ai terremotati

IL CASO - Continua il "giallo" della commissione bancaria a carico degli sfollati. Ad aprile era stato tolta, poi rimessa a maggio e giugno. E ora restituita

di Renato Pierantozzi

Un bonifico da 2,80 euro per rimborsare una famiglia terremotata ascolana destinataria del Contributo di autonoma sistemazione.

Palazzo Arengo (foto Perozzi)

Il Comune di Ascoli torna sui suoi passi e, almeno per il mese di giugno, abolisce la sgradevole quanto inopportuna  “tassa” sul bonifico da poco meno di tre euro. Un balzello, imposto sempre secondo l’Arengo dalla banca che eroga la somma, che già in passato era stato tolto e poi rimesso nonostante le linee guida precise (e contrarie al prelievo) di Abi e Protezione Civile. Un tassa di 2,8 euro ma che moltiplicata, ad esempio, per 841 “Cas” erogati a giugno 2018 per il Comune di Ascoli porta nella cassa della banca qualcosa come 2.354,8 euro. La tassa, chiamata nel gergo bancario “commissione” non era stata applicata per il Cas di aprile 2018, ma poi era rispuntata fuori per quello di maggio.

Ascoli, dietrofront sulla “tassa” ai terremotati «Cas in ritardo per colpa dei furbetti»

Ci risiamo, torna la “tassa” sul Cas Terremotati ascolani di nuovo beffati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X