facebook rss

Vino, cultura e territorio:
in arrivo due grandi eventi

ASCOLI - Domenica 16 settembre concerto del Coro Ventidio Basso alla cantina Pantaleone, mentre a fine ottobre all'Itas Ulpiani si celebreranno i 50 della Doc del Rosso Piceno Superiore

di Renato Pierantozzi

«E’ necessario dare continuità agli eventi al di là delle “chicche” e delle grandi rappresentazioni». E’ la sfida lanciata dal vice presidente del Consiglio regionale, Piero Celani, che ha presentato il concerto del Coro del Teatro Ventidio Basso (diretto dal Maestro Giovanni Farina) che si terrà domenica 16 settembre alle 16,30 alla cantina Pantaleone. L’evento è sostenuto dalla Regione Marche. «Il Coro -dice Celani- è reduce dal successo del Rossini Opera Festival (Rof) dove è finito nella rassegna stampa internazionale. Con il concerto di domenica replichiamo l’esperienza fatta nel 2012 sempre con il Coro alla cantina di Castignano». Celani svela anche la seconda “chicca” a cui sta lavorando: «A fine ottobre -dice sempre il Vice presidente del Consiglio regionale- ci sarà un grande evento all’Istituto agrario Ulpiani dedicato ai 50 anni della doc del Rosso Piceno Superiore con la presenza dei produttori». Alla presentazione del concerto di domenica sono intervenuti anche il presidente del Coro, Pietro Di Pietro e il vice Alessio De Vecchis. «Questa è l’occasione -dice il presidente- per diffondere e far conoscere i nostri vini di pregio attraverso una eccellenza della nostra storia artistica: il melodramma». Il Coro eseguirà “arie” legate proprio al mondo del vino a partire da “In taberna quando sumus” da Carmina Burana per proseguire poi con l’Atto I dell’Otello di Verdi “Innaffia l’ugola” impersonificato da Alessio De Vecchis; “Arietta L’orgia” di Rossini; “Fin ch’han del vino” (Don Giovanni di Mozart), “Viva il vino spumeggiante” (Cavalleria Rusticana di Mascagni), “Brindisi” di Verdi ed infine “Brindisi: Libiam nei lieti calici” dalla Traviata di Verdi. Soddisfatte anche Federica e Francesca Pantaloni, artefici del successo della cantina ascolana con i vini che portano proprio nomi “teatrali”  come Atto I, Boccascena, Sipario, La Ribalta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X