facebook rss

Buon compleanno Anisetta Meletti
Da 148 anni porta il nome di Ascoli nel mondo
(Fotogallery)

FOCUS ECONOMIA - L'aristocrazia dei liquori italiani si avvicina al secolo e mezzo di storia. Da poco sull'etichetta è tornato lo stemma di fornitore della "Real Casa". L'epopea di Silvio Meletti: dal laboratorio della madre all'esposizione universale di Parigi

Il Manuale francese che ispirò a Silvio Meletti la ricetta dell’Anisetta

di Renato Pierantozzi

Da 148 anni porta il nome di Ascoli nel mondo. Proprio oggi 20 settembre è il compleanno di un’ascolana speciale: l’Anisetta Meletti. E’ nata grazie all’intuizione, ma soprattutto lo studio (sui manuali di chimica francesi dell’epoca) e l’applicazione di un altro grande ascolano: Silvio Meletti. Anche il nome e la firma del fondatore fanno bella mostra sulla bottiglia dove da poco è tornato lo STORICO stemma di fornitore della “Real Casa”.

L’Anisetta del 1885

E sì, perché l’Anisetta sin da subito si afferma nell’elite dei liquori italiani grazie all’intraprendenza commerciale di Meletti che, dalla bottega della madre situata nell’allora piazza Montanara (oggi piazza Roma), ha conquistato i palcoscenici internazionali raccogliendo premi e e riconoscimenti che lanciano l’Anisetta nell’aristocrazia degli spiriti italici. Arriva così la prestigiosa menzione dell’Expo di Parigi 1878 e l’anno dopo (1879) l’ingresso nei fornitori della Real Casa da parte del re Umberto I. Il liquore all’anice inventato da Silvio Meletti diventa subito una star e viene celebrato anche con le pubblicità disegnate dai migliori artisti dell’epoca come il triestino Dudovich. Ma il genio commerciale del fondatore non si ferma e nel 1907 regala ad Ascoli un altro dei suoi simboli: il Caffè in piazza del Popolo. E’ la vetrina per l’Anisetta, ma anche uno spazio per tutta la città. Un luogo degno di una Capitale europea, frutto dell’ispirazione trovata in tanti viaggi all’estero, realizzato in una piccola città di provincia. Il successo dell’Anisetta e della Ditta Meletti è appena iniziato. Dopo 148 anni, la Storia continua.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X