facebook rss

Pronto soccorso, la sfida di Renzi:
«Anche un sorriso è importante»
Appello per nuovi medici e spazi

ASCOLI - Ha preso ufficialmente servizio il successore di Massimo Loria: «Servono più spazi, quelli pensati 12 anni non bastano più»

Gianfilippo Renzi

di Renato Pierantozzi

«Ho trascorso tutta la mia vita professionale, 22 anni e mezzo, dentro il Pronto soccorso, di cui conosco anche i ragni e debbo tantissimo al dottor Massimo Loria che mi ha insegnato tanto e creato dove mancavo». Insieme al neo direttore dell’Area Vasta, Cesare Milani, è entrato ufficialmente in servizio anche il dottor Gianfilippo Renzi, nuovo capo del pronto soccorso e della medicina di urgenza dell’ospedale Mazzoni. 59 anni, nato a San Benedetto e al Pronto soccorso ascolano dal 1996, Renzi è stato per anni la spalla di Loria nel reparto che è la prima “trincea” dell’ospedale. E oggi, una volta raccolto il testimone del primario andato in pensione da poco e sostituito in tempi record per la sanità (2 mesi, ndr), ha le idee chiare sulla sua mission: «Senza paura e timori -dice Renzi- dobbiamo lavorare per fare meno errori possibili. Innanzitutto recuperando l’umanità nella gestione dei pazienti, poi efficacia ed efficienza ed infine professionalit. Ho messo questa cosa al terzo posto perché so già che già c’è tra i miei collaboratori. Nel pronto soccorso inoltre il medico deve essere una brava persona senza pecche dal lato umano e rapportandosi nel modo più giusto. Anche un sorriso è importante anche se non è facile in un luogo complesso e critico».

Cesare Milani e Gianfilippo Renzi

Tra le dolenti note, Renzi cita il caso degli spazi fisici. «L’attesa -dice il neo direttore- può derivare dal fatto che non abbiamo molti spazi dove poi sistemare i pazienti che sono stati curati. Dodici anni fa andavano bene, oggi non più. Sull’organico al momento abbiamo, su un totale di 16 medici, uno in malattia ed un altro che lavora a singhiozzo sempre per problemi di salute. Inoltre sarà attuato un piano di aggiornamento professionale di tutti i colleghi visto che negli ultimi cinque anni la medicina di urgenza si è rivoluzionata». Anche il direttore Milani ha “benedetto” la nomina di Renzi: «Il pronto soccorso -dice il numero uno dell’Area Vasta 5- è la porta d’ingresso dell’ospedale e se diamo qui un segnale positivo ne beneficerà tutta la struttura. Sono convinto che la scelta del dottor Renzi darà un risposta importante su come affrontare la situazione anche se nessuno ha la bacchetta magica e non si trovano più i medici visto che molti avvisi vanno deserti».

Pronto soccorso, salvati due anziani Dopo 40 anni va in pensione il primario Massimo Loria

 

Pronto soccorso, il dottor Renzi in pole per sostituire Massimo Loria

 

Battaglia per la difesa del “Mazzoni” Renzi primario del Pronto Soccorso, manca soltanto la nomina


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X