facebook rss

Il camion che trasporta legna
si ribalta e la Salaria si paralizza
Strada riaperta alle 10,30

ACQUASANTA TERME - Il pesante mezzo a tre assi procedeva in direzione Ascoli quando il conducente ha perso il controllo all'altezza di Quintodecimo. Non ci sono feriti. Sul posto Vigili del fuoco, Carabinieri e una ditta privata per la rimozione del mezzo e del suo carico che ha invaso la carreggiata. Traffico bloccato e grossi disagi fino alla riapertura

Salaria paralizzata a causa di un mezzo pesante (un tre assi) che si è ribaltato poco fa all’altezza di Quintodecimo, nel territorio comunale di Acquasanta Terme. Il camion trasportava legna e, per fortuna, nessun altro mezzo è rimasto coinvolto, nè l’autista ha riportato conseguenze. Immediato l’allarme da parte degli automobilisti in transito. Sul posto è giunta una squadra dei Vigili del fuoco del presidio di Arquata del Tronto (a testimonianza dell’importanza di questa presenza nella zona montana che dovrebbe diventare fissa) e i Carabinieri della Stazione di Acquasanta. Il problema, davvero grosso, è che al momento la Statale Salaria è out. Il tutto in attesa che venga liberata la carreggiata dal legname finito ovunque e, soprattutto, dal pesante mezzo.

Per questo motivo è stata subito allertata una ditta privata (Seghetti) che, con i suoi uomini, è giunta sul posto con una gigantesca gru in grado di rimuovere il camion e il suo carico. Il traffico, manco a dirlo, è andato in tilt, e diversi chilometri prima (in entrambi i sensi di marcia) automobili e camion vengono invitati dalle forze dell’ordine e da personale dell’Anas a percorrere strade in alternative. Oppure, per chi non ha fretta, di mettersi comodo e aspettare la riapertura della strada non appena verrà messo in sicurezza il tratto interessato. E questo è avvenuto intorno alle ore 10,30 quando gli addetti hanno provveduto a liberare la carreggiata, e quindi il traffico è ricominciato a scorrere normalmente.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X