facebook rss

Incidenti da rilevare,
il Prefetto in soccorso delle Volanti

ASCOLI - Una delegazione del Sindacato autonomo di Polizia si è recata in Prefettura per esporre il problema del personale delle Volanti "costretto" ad operare per conto della Polizia Stradale
...

Una Volante della Polizia subito sul posto dopo un incidente

Più pattuglie della Polizia Municipale in strada per evitare che le Volanti della Polizia siano chiamate a rilevare gli incidenti al posto di quelle della Stradale. E’ l’assicurazione data dal Prefetto Rita Stentella alla delegazione del Sap (Sindacato Autonomo di Polizia) composta dal segretario provinciale Massimiliano D’Eramo e dal vice Marco Ricci, che hanno esternato le preoccupazioni relative ai problemi recentemente riscontrati per il rilievo degli incidenti stradali. 

Massimiliano D’Eramo, segretario del Sap

«Alcuni di questi -fa notare D’Eramo- a causa dell’impiego delle pattuglie dei vari Distaccamenti Polstrada in Autostrada A14 e sul Raccordo Autostradale 11, sono stati rilevati da parte del Personale della Squadra Volante, sguarnendo di fatto il controllo del territorio, compito primario di questo Reparto specializzato. Nel corso del cordiale incontro è stata rappresentata non solo la preoccupazione degli operatori di pubblica sicurezza di quanto sta accadendo, ma anche e soprattutto quella della cittadinanza, che di fatto è privata del controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati. Nel prendere atto di quanto sopra esposto, il Prefetto ha assicurato che sensibilizzerà i Sindaci dei Comuni al fine di mettere sul campo più pattuglie della Polizia Municipale, al fine di permettere al personale della Squadra Volante di pattugliare h. 24 il territorio di competenza».  «Siamo soddisfatti e fiduciosi dalle risposte ed assicurazioni fornite dal Signor Prefetto -conclude D’Eramo- il sindacato resta vigile al fine di verificare se quanto affermato porterà i risultati da noi auspicati sempre nell’interesse ed il benessere di tutto il personale, ma soprattutto della cittadinanza, di cui anche noi ne facciamo parte. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X