facebook rss

Buondi, omaggio tra musica e dialetto
Aquilanti al timone
della Corale Cento Torri

ASCOLI - Domenica 7 ottobre spettacolo all'auditorium "Neroni" con due monologhi recitati scritti da Nazzareno Allevi e Maria Regina Azzara. Natale verrà pubblicato il libro che lo scomparso presidente stava preparando dedicato al complesso monumentale di San Francesco

In ricordo di Roberto Buondi

Il professor Roberto Buondi, presidente della “Corale Polifonica Cento Torri”, è deceduto il 6 agosto scorso ma continua a vivere con il suo inesauribile attivismo culturale. Domenica prossima 7 ottobre, nell’auditorium “Emidio Neroni”, inizio alle ore 17,30, dialogherà ancora con i suoi coristi, con gli amici e con tutti coloro che gli hanno voluto bene. La Corale, ora presieduta da Giorgio Aquilanti, che era il vice, ha messo in cantiere un affettuoso spettacolo tra monologhi in dialetto ascolano e brani musicali come omaggio al presidente scomparso ma sempre presente nel ricordo e nello spirito d’iniziativa.

Il mitico prof Buondi

Da lassù certamente Roberto approverà e sorriderà. Il titolo dice tutto: “Ah…uà oh! Chi s’arevede!”. Da un’idea di Nazzareno Allevi, presidente della commissione che seleziona le formazioni partecipanti al “Cento Torri Choral Festival”, Maria Regina Azzara, direttore artistico della Polifonica, e di Aquilanti. Voci narranti lo stesso Allevi, Carmelita Galiè e Andrea De Santis. Collaborazione anche di Andrea Alberti, Pietro Cardarelli, Aldo Pizzingrili e Stefano Romani. In un primo momento si era pensato ad un omaggio quasi privato poi però è maturata l’idea di un vero e proprio spettacolo nel quale si snoda un dialogo tra Roberto Buondi e i suoi amici di sempre, intramezzato naturalmente da alcuni brani cantati dal coro con al pianoforte Lorella Azzara.
Sarà un viaggio nella tradizione e nel dialetto ascolani. «Roberto -dice Aquilanti- aveva mille idee ed era in grado di fare tante cose insieme. Era un vulcano. Amava Ascoli ogni oltre misura. Noi lo vogliamo ricordare così. Auguriamoci che l’auditorium si riempia e che i 250 posti siano sufficienti». Lo spettacolo è strutturato in due monologhi recitati scritti in dialetto da Nazzareno Allevi e Maria Regina Azzara.
«Roberto -commenta il vicesindaco Donatella Ferretti- è stato sempre un amico sin da quando sono diventata assessore e mi proponeva tante iniziative culturali. Non nascondo che ci sia un velo di tristezza ma questa iniziativa lo ricorda nel migliore dei modi all’insegna della tradizione ascolana città che amava e conosceva molto bene. Ringrazio la Corale per aver organizzato al meglio questa manifestazione».
Tocca dunque ora ad Aquilanti prendere in mano la guida della Corale. Uno che è stato sempre molto vicino a Buondi e che si è sempre speso a favore della formazione ascolana. «Faremo del tutto –  sottolinea il neo presidente- per continuare le attività che aveva messo in cantiere Roberto e che sono diventate appuntamenti fissi per la città: concerti, festival dei cori, concorso di poesia Premio “Mimmo Cagnucci“, concerto di Natale, aggiungendo magari altre iniziative».
Lo spettacolo verrà anche registrato per produrre un dvd. Nel periodo natalizio verrà pubblicato un libro che Buondi stava preparando dedicato al complesso monumentale di San Francesco. Un sogno da realizzare e un regalo per tutti. Roberto continua a vivere.

F.D.M. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X