Quantcast
facebook rss

Polo accoglienza e solidarietà
all’ex seminario vescovile

ASCOLI - Definito il contratto di comodato di immobile. La Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli ha stanziato 600.000 euro nel triennio 2017-2019. Una grande squadra con oltre mille volontari al servizio di tutti
...

di Franco De Marco

Finalmente si sblocca il progetto per la realizzazione di una nuova e più moderna struttura per la mensa dei poveri Zarepta e per altri servizi a favore delle persone bisognose di aiuto. La sede sarà nell’edificio, ancora un rustico, in viale De Gasperi, a destra del parcheggio, di proprietà dell’Ente Seminario Vescovile. Di conseguenza potranno essere utilizzati i 600.000 euro, una cifra importante, messi da tempo a disposizione, con grande sensibilità, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascol. Lo slittamento dei tempi rischiava addirittura di far perdere tale finanziamento previsto nel piano triennale 2017-2019.

Dopo un lungo tira e molla, e dopo che, man mano, sono state individuate e poi scartate altre localizzazioni, ultimo un palazzo in piazza Della Viola per il quale si erano levate alcune proteste dei residenti nella zona, è stato sottoscritto il contratto di comodato per l’edificio, un rustico per la verità, tra l’Associazione “Polo Accoglienza e Solidarietà” (Pas), presieduta da Pino Felicetti, e l’Ente Seminario Vescovile. La pratica burocratica non è stata agevole. Ma alla fine è arrivata la fumata bianca con soddisfazione di tutti.

«Questo immobile – spiega il Pas  – sarà la sede dove la nostra rete delle associazioni non profit porrà la base per l’erogazione di un’ampia gamma di servizi di contrasto alla povertà a favore delle persone in stato di bisogno: mensa e distribuzione viveri, ambulatori medici, dispensario dei medicinali, docce, lavanderia,  e orientamento». Ascoli città della solidarietà fa un ulteriore e significativo passo in avanti rinforzando un primato regionale che rende tutti orgogliosi. I servizi potranno essere notevolmente migliorati e soprattutto allargati. Nasce una nuova grande Casa della solidarietà che sarà mandata avanti dai volontari. La sinergia tra Fondazione, Diocesi e Pas ha portato ad un risultato molto positivo.

«L’accordo sottoscritto oggi – ha reso noto ieri il Pas – prevede un comodato trentennale tra l’ente Seminario Vescovile di Ascoli Piceno e l’associazione Pas ed ha per oggetto il fabbricato rustico sito in viale De Gasperi e composto da piano terra, piano primo ed area di corte circostante di pertinenza». Il Pas provvederà a propria cura e spese ad effettuare tutti i lavori necessari per rendere l’immobile funzionale allo scopo cui sarà destinato. Per la realizzazione dell’intervento la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, come detto, ha da tempo stanziato l’importo di Euro 600.000 nel triennio 2017 – 2019.

Ora si cercherà di accelerare al massimo i lavori. La mensa Zarepta, forse il principale simbolo della solidarietà offerta ad Ascoli, anche a causa dei danni provocati dal terremoto si è venuta a trovare in seria difficoltà. La rete Pas, costituita il 25 settembre 2017, è formata dalle associazioni Acli,  Croce Rossa Italiana, B&F Foundation, Unitalsi Marche, San Vincenzo De Paoli, Zarepta, Betania Onlus, Azione Cattolica, Centro Accoglienza Vita, Movimento Diocesano, Laboratorio della Speranza, Iom Ascoli. Una grande squadra con oltre mille volontari al servizio di tutti.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X