Quantcast
facebook rss

La Salernitana aggancia
al secondo posto il Verona
stoppato a Venezia

CALCIO - La squadra di Colantuono supera il Perugia e si porta alle spalle del Pescara capolista. Per gli scaligeri, invece, un solo punto nel derby contro Zenga. Carpi, Foggia e Padova cadono al "Del Duca" e in Calabria. L'ottava di andata si chiude lunedì con la notturna Benevento-Livorno
...

di Andrea Ferretti

Il Venezia del neo allenatore Zenga blocca il Verona, il Perugia cade a Salerno e la squadra di Colantuono si porta nella parte alta della classifica. In laguna Verona in vantaggio con Zaccagni e pareggio di Di Mariano nel secondo tempo. All’Arcehi prima botta (Mazzarani) e risposta (Vido su rigore) e poi nella ripresa la rete decisiva per i campani di Casasola. Salgono l’Ascoli, il Crotone e il Cosenza che sabato hanno liquidato rispettivamente di misura il Carpi e il Padova e, all’inglese, il Foggia. Cavion regala i tre punti all’Ascoli, una doppietta di Tutino stende il Foggia, Crotone in festa grazie al gol di Firenze dopo il vantaggio di Spinelli e il momentaneo pari dei veneti di Bonazzoli. Finisce invece in parità Cittadella-Brescia con due gol per parte (doppio Morosini ad annullare il 2-0 firmato da Finotto e un autogol di Cistana). Ma la squadra del momento è senza dubbio il Pescara. Ci crede Bepi Pillon e ci credono i suoi ragazzi. E così gli abruzzesi mantengono la vetta della classifica andando a vincere fuori casa (1-3) contro lo Spezia nell’anticipo del venerdì sera. Con una simile batteria di attaccanti per i biancocelesti nulla è impossibile. E infatti a La Spezia è andato in gol il solito Mancuso, ma è stato ancor più decisivo l’ex Ascoli Monachello che di gol ne ha segnati due portandosi a quota 3: dopo otto giornate quasi la metà degli otto gol segnati la scorsa stagione (7 nell’Ascoli, di cui fu il miglior realizzatore, e 1 nel Palermo prima di arrivare nelle Marche in prestito dall’Atalanta). In Liguria, Pescara in doppio vantaggio, poi gara riaperta da Galabinov e quindi chiusa nella ripresa da Monachello. Per scrivere la parola fine all’ottava di andata ancora due partite. Il turno lo chiude la notturna di lunedì tra Benevento e Livorno. Quest’ultimo è il prossimo avversario dell’Ascoli che, rispetto alla squadra di Vivarini, ha 48 ore in meno per recuperare.

Per Vido del Perugia, qui in gol contro l’Ascoli al “Curi”, rete inutile a Salerno (Foto Edo)

LE PARTITE DELL’OTTAVA GIORNATA

Venerdì 19 ottobre ore 21: Spezia-Pescara 1-3

Sabato 20 ottobre ore 15: Ascoli-Carpi 1-0, Cittadella-Brescia 2-2, Cosenza-Foggia 2-0

Sabato 20 ottobre ore 18: Crotone-Padova 2-1

Domenica 21 ottobre ore 15: Salernitana-Perugia 2-1, Venezia-Verona 1-1

Domenica 21 ottobre ore 21: Lecce-Palermo

Lunedì 22 ottobre ore 21: Benevento-Livorno

LA CLASSIFICA: Pescara 18 punti, Verona 14, Salernitana 13, Spezia e Lecce 12; Palermo, Cittadella, Cremonese e Brescia 11, Crotone e Benevento 10, Ascoli 9, Perugia 8, Cosenza 7, Padova 6, Carpi e Venezia 5, Foggia 4, Livorno 2.

I MARCATORI: Donnarumma (Brescia) 7 gol, Mancuso (Pescara) 6 gol; Monachello (Pescara), Morosini (Brescia), Mancosu (Lecce), Palombi (Lecce) e Vido (Perugia) 4 gol; Firenze (Crotone), Kragl (Foggia), Mokulu (Carpi), Pazzini (Verona), Nestorovski e Trajkovski  (Palermo) e Tutino (Cosenza) 3 gol; Asencio e Bandinelli (Benevento), Brosco (Ascoli), Budimir (Crotone), Cappelletti e Ravanelli (Padova); Galano, Camporese e Cicerelli (Foggia), Citro e Di Mariano (Venezia), Cocco (Pescara), Coda (Benevento), Casasola e Di Tacchio (Salernitana), Falco e La Mantia (Lecce), Giannetti (Livorno), Strizzolo e Iori (Cittadella), Maniero (Cosenza), Mogos (Cremonese), Crimi e Pierini (Spezia) e Zaccagni (Verona) 2 gol.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X