Quantcast
facebook rss

Lucciarini all’assemblea dell’Anci:
«Basta tagli ai Comuni»

RIMINI - «La diminuzione delle risorse economiche nel corso degli anni, la necessità di rispettare il patto di stabilità prima e il bilancio armonizzato poi, la difficoltà enorme a fare investimenti, tutto questo ha impedito ai  comuni  di poter rispondere pienamente alle esigenze dei propri cittadini»
...

La stretta di mano tra Sergio Mattarella e Valerio Lucciarini

Sindaci di tutta Italia riuniti a Rimini per la XXXV Assemblea nazionale dell’Anci. Tra i presenti anche il primo cittadino di Offida, Valerio Lucciarini, componente del Consiglio nazionale e Presidente di Legautonomie MarcheLucciarini è stato anche immortalato nel momento di dare la mano al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. «Condivido le parole del presidente -afferma Lucciarini- che ha affermato che le amministrazioni comunali non sono il terminale periferico dello Stato-ordinamento, ma sono la prima istituzione rappresentativa delle comunità di vita che animano e compongono la nostra Repubblica». «Purtroppo – ha proseguito Lucciarini – i Comuni fanno le spese della crisi politica ed economica del nostro Paese. La diminuzione delle risorse economiche nel corso degli anni, la necessità di rispettare il patto di stabilità prima e il bilancio armonizzato poi, la difficoltà enorme a fare investimenti, tutto questo ha impedito ai Comuni  di poter rispondere pienamente alle esigenze dei propri cittadini. I comuni devono essere messi nella condizione di contribuire a restituire prospettiva e speranza, a favorire una crescita sostenibile e la creazione di nuovo lavoro, a formare identità collettive e ad assicurare coesione nelle comunità, a creare partecipazione e coinvolgimento, realizzazione di sé delle persone in relazione agli altri. Non hanno solo il compito di offrire servizi efficaci e poco costosi ai cittadini». «Mi auguro – ha concluso Lucciarini – che da questa Assemblea nazionale, alla quale è prevista una partecipazione di oltre 7mila presenze, esca un ANCI  ancor più coesa e più determinata nel richiedere che i comuni siano messi nella condizione di poter rappresentare al meglio la propria collettività di poterne curare gli interessi. La relazione del Presidente Decaro fa ben sperare in questo senso».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X