Quantcast
facebook rss

Vivarini e il calo di attenzione
«E’ successo quello che temevo»

SERIE B - «Ci siamo adeguati al Livorno: ritardi sulle aggressioni ai portatori di palla, squadra più lunga, arrivavamo anche secondi sulle seconde palle. Non dovevamo concedere tutto il campo agli avversari»
...

L’espressione di Vivarini è tutto un programma: il mister nella sala stampa del “Picchi”

di Claudio Romanucci

«E’ successo quello che temevo durante la settimana. Ne è venuta fuori una partita dove potevamo e dovevamo fare più». L’allenatore Vivarini ha bisogno di poche domande per confessare la sua enorme delusione. L’Ascoli visto a Livorno o cambia passo o rischia di finire con le altre in zona sofferenza.
«Ritardi sulle aggressioni, squadra più lunga, arrivavamo anche secondi sulle seconde palle. Abbiamo fatto fatica a trovare punti di riferimento sul possesso palla. Il risultato poteva essere differente se vediamo gli episodi. La cosa che avevo detto ai miei è di non giocare sul Livorno, dovevamo dare ritmo e intensità e ci siamo adeguati all’avversario. E’ anche vero che ogni partita ha la sua storia, di certo non dovevamo concedere tutto il campo al Livorno. Questa è una partita che ci fa molto scuola. Se abbassiamo l’attenzione corriamo il rischio di perdere con tutti e se non cresciamo è un problema. Il miglioramento di squadra parte della parte offensiva, bisogna rimanere tranquilli e concentrati».
Sul cambio di Ganz nella ripresa: «Ho cercato di dare più peso alla squadra con giocatori offensivi e di inserimento per trovare e sfruttare al meglio gli spazi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X