Quantcast
facebook rss

Il Pd di San Benedetto:
«Bravo Fabiani,
Piunti è delegittimato»

ELEZIONI - Il segretario Alfonsi: «Siamo nostro malgrado costretti a rilevare che il sindaco sambenedettese, visti gli scadenti risultati della sua Amministrazione, non ha ricevuto la fiducia per guidare la Provincia»
...

Elezioni provinciali, il day after. Si scalda il clima dopo la netta affermazione del centro sinistra guidato dal neo presidente Sergio Fabiani. «Il Partito Democratico di San Benedetto del Tronto – dice il segretario Edward Rino Alfonsi – desidera esprimere i propri complimenti al neoeletto Presidente della Provincia di Ascoli Piceno, Sergio Fabiani, sindaco di Montegallo il quale ha battuto l’altro candidato Pasqualino Piunti, sindaco di San Benedetto del Tronto il quale ha ricevuto numeri alla mano una sonora sconfitta.

Edward Rino Alfonsi

Il Pd fa i migliori auguri al neoeletto Fabiani che continuerà l’opera intrapresa da Paolo D’Erasmo che ringraziamo per il suo impegno e per l’ottimo lavoro svolto nei 4 anni del suo mandato. Questa è la vittoria del territorio Piceno. Un ringraziamento al PD Provinciale che con un grande lavoro di squadra è riuscito a costruire una coalizione larga, un centrosinistra ampio e attrattivo di tante realtà civiche che ci ha permesso di ottenere il risultato. Un ringraziamento anche ai nostri Consiglieri comunali del PD di San Benedetto per il lavoro svolto in questo periodo. Siamo nostro malgrado costretti a rilevare che Piunti sindaco di San Benedetto, visti gli scadenti risultati della sua amministrazione della città, distratto anche forse da inutili e costose querele giudiziarie, non ha ricevuto la fiducia di sindaci e consiglieri comunali della provincia, per svolgere il compito di guidare la Provincia di Ascoli, risultando quindi delegittimato dal territorio stesso e non permettendo neppure alla città di San Benedetto di essere la città capofila e guida di questo territorio, ruolo che le spetta appieno».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X