Quantcast
facebook rss

Brescia, quaterna e aggancio
Palermo-Pescara per la vetta

CALCIO - Le "rondinelle" rifilano quattro gol al Verona (a rischio la panchina di Grosso?) e agguantano gli scaligeri al 5° posto. Il Cittadella interrmpe la mini serie positiva del Venezia con uno scatenato Finotto che si porta a casa il pallone. Il 12° turno si chiude con la sfida della "Favorita" che vale il primato
...

di Andrea Ferretti

Brescia e Cittadella non scherzano. Ne sanno qualcosa il Verona e il Venezia, entrambe sconfitte, che hanno comunque partecipato al festival del gol della domenica pomeriggio, con ben undici reti segnate in due soli incontri. Il Venezia di Zenga interrompe la mini strisca positiva cadendo sul campo di una formazione (il Cittadella) che in Serie A non è mai salita, ma che da anni produce ottimo calcio con incredibile continuità. Le panchine non portano fortuna agli ex grandi calciatori. E dopo Lucarelli, esonerato a Livorno, nessuno griderebbe allo scandalo se il Verona mandasse a casa Grosso. Staremo a vedere.

Frena anche il Benevento, mentre ripartono Cremonese e Salernitana, il Lecce affossa il Cosenza, risale il Padova. Sono i responsi delle gare del sabato della dodicesima di andata che si è aperta con il successo del Perugia sul Crotone grazie al gol di Verre e all’autogol di Nkwanwo che ha segnato anche nella porta giusta su rigore. Al “Del Duca” vanno in gol tutti e tre gli attaccanti del Padova (Bonazzoli, Capello e Mazzocco) mentre per l’Ascoli si registrano il primo gol (anche in Italia) di Ngombo e il terzo centro stagionale di Brosco di nuovo capocannoniere della squadra. Il Carpi mette in mostra tutta la grinta del suo allenatore Castori, e negli ultimissimi minuti segna due volte con Concas e Vano… vanificando il doppio vantaggio dei campani (Letizia e Coda su rigore). Nella sfida tra due allenatori appena subentrati, contro il Livorno Brighenti toglie le castagne dal fuoco alla Cremonese: tre per Rastelli, nessuno per Breda. A Salerno non si smentisce Bocalon che firma la vittoria della squadra di Colantuono sullo Spezia. Quello del Lecce si conferma l’attacco più prolifico della B. Le reti messe a segno da Venuti e Palombi erano state annullate dalla doppietta di Tutino, ma nel finale è stata di Falco quella che ha deciso il match.

In attesa del match clou Palermo-Pescara che chiude la dodicesima di andata, allunga in vetta alla classifica cannonieri Donnarumma del Brescia, autore di una doppietta contro il Verona. Di Tonali e Torregrossa gli altri due gol delle “rondinelle”. Per il Verona hanno segnato Caracciolo, difensore di nuovo in gol, e Pazzini. Il Cittadella ringrazia Finotto che si porta a casa il pallone dopo aver firmato il tris. Per il Venezia reti di Bentivoglio su rigore e autogol di Drudi.

Donnarumma del Brescia: gol numero 9

RISULTATI 12^ GIORNATA DI ANDATA

Venerdì 9 novembre ore 21 Perugia-Crotone 2-1

Sabato 10 novembre ore 15 Ascoli-Padova 2-3, Carpi-Benevento 2-2, Cremonese-Livorno 1-0, Salernitana-Spezia 1-0

sabato 10 novembre ore 18 Cosenza-Lecce 2-3

Domenica 11 novembre ore 15 Brescia-Verona 4-2, Cittadella-Venezia 3-2

Domenica 11 novembre ore 21 Palermo-Pescara

Riposa: Foggia

CLASSIFICA: Pescara 22 punti, Palermo 21, Salernitana 20, Lecce e Cittadella 19, Verona e Brescia 18, Perugia e Benevento 17, Ascoli e Cremonese 15, Spezia 13, Crotone e Venezia 12, Padova 11, Cosenza 8, Foggia e Carpi 7, Livorno 5.

MARCATORI: 9 gol Donnarumma (Brescia), Mancuso (Pescara); 6 gol Coda (Benevento), Palombi (Lecce), 5 gol Bocalon (Salernitana), Finotto (Cittadella), Mancosu (Lecce), Nestorovski (Palermo), Tutino (Cosenza), Vido (Perugia); 4 gol Morosini (Brescia), Pazzini (Verona); 3 gol Brosco (Ascoli), Cappelletti (Padova), Diamanti (Livorno), Di Mariano (Venezia), Firenze e Kwankwo (Crotone), Iori (Cittadella), Kragl (Foggia), Falco e La Mantia (Lecce), Maniero (Cosenza), Melchiorri e Verre (Perugia), Monachello (Pescara), Mokulu (Carpi), Trajkovski  (Palermo), Torregrossa (Brescia); 2 gol Insigne, Asencio e Bandinelli (Benevento); Bonazzoli (Padova), Brighenti (Cremonese), Ninkovic e Cavion (Ascoli), Budimir (Crotone); Capello, Mazzocco, Cappelletti e Ravanelli (Padova); Mazzeo, Gerbo, Tonucci, Deli, Galano, Camporese e Cicerelli (Foggia), Caracciolo (Verona), Concas (Carpi), Bentivoglio e Citro (Venezia); Cocco, Del Sole e Gravillon (Pescara), Casasola e Di Tacchio (Salernitana), Tabanelli (Lecce), Giannetti (Livorno), Strizzolo (Cittadella), Mogos (Cremonese); Galabinov, Crimi e Pierini (Spezia), Henderson e Zaccagni (Verona), Salvi e Puscas (Palermo), Tremolada (Brescia).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X