Quantcast
facebook rss

Samb, colpo a centrocampo
Arriva il playmaker Caccetta

SERIE C - Il diesse Fusco pesca tra gli svincolati l'elemento richiesto da Roselli, che lo ha avuto alle sue dipendenze a Cosenza. Il classe '86: «Conosco bene la piazza di San Benedetto, il suo blasone, il calore dei tifosi. Dopo questi mesi in cui sono stato fermo non potevo scegliere posto migliore dove ripartire con entusiasmo»
...

di Benedetto Marinangeli 

La Samb piazza il colpo nel mercato degli svincolati. Il diesse Pietro Fusco ha chiuso l’accordo con Cristian Caccetta. Classe ’86, vanta una lunga militanza in C ed in B con le maglie di Foggia, Trapani, Cosenza, Catania e Pordenone dove nella passata stagione, dal mese di gennaio ha totalizzato nove presenze. Tornato a Catania per fine prestito, lo scorso settembre si è svincolato dal club etneo. Il club rossoblù si rinforza e lo fa con un altro elemento di spessore. Dopo il difensore Celjak ecco Caccetta.

Il nuovo acquisto Caccetta

«Conosco bene la piazza di San Benedetto -queste le sue prime parole al sito ufficiale della Samb- il suo blasone, il calore dei tifosi. Dopo questi mesi in cui sono stato fermo non potevo scegliere posto migliore dove ripartire con grande entusiasmo. Con il club rossoblù ci siamo sentiti qualche giorno fa, poi non appena l’interesse si è fatto concreto, ci ho messo davvero 10 secondi a decidere. Difficile per chiunque rifiutare una piazza come questa».
Caccetta in questa sua nuova avventura ritroverà Giorgio Roselli. «Io e il mister a Cosenza siamo arrivati praticamente insieme. Lui 10 giorni dopo di me e mi ha allenato per più di 2 anni. Anche Elio Calderini e Mirko Miceli sono stati compagni di viaggio nell’esperienza calabrese, mentre con Andrea Russotto siamo stati insieme a Catania. Che dire? Ci sono tutti i presupposti per lavorare bene -conclude Caccetta- e non vedo l’ora di iniziare».

Mister Roselli (Foto Cicchini)

Con l’arrivo del centrocampista palermitano, la Samb completa il numero degli over a disposizione. Un elemento di provata affidabilità che ricopre il ruolo di playmaker o davanti alla difesa in un centrocampo a rombo. Caratteristiche che mancavano allo scacchiere disegnato da Roselli.
Domani, nel corso della rifinitura, farà conoscenza dei nuovi compagni ma difficilmente sarà convocato per la trasferta di Verona. Domani classica seduta di rifinitura con Roselli che valuterà gli uomini a sua disposizione e proverà gli ultimi accorgimenti tattici per il match in terra veneta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X