Quantcast
facebook rss

Benevento di nuovo al tappeto,
è un Verona da quarto posto

SERIE B - Gli scaligeri passano al "Vigorito" (decisivo l'errore di Coda dal dischetto) e in un colpo solo scavalcano i campani e si portano alle spalle del terzettto di testa. In vetta il Palermo resta solitario con tre punti di vantaggio su Pescara e Lecce. In coda exploit del Livorno che batte e aggancia il Foggia. La 15esima giornata si chiude con Salernitana-Brescia
...

di Andrea Ferretti

Il Verona compie l’exploit. Alla squadra di Grosso fa bene il turno di sosta. Gli scaligeri tornano in campo dopo due settimane e vincono a Benevento mettendo di nuovo sulla graticola Bucchi. Finisce 0-1, gara decisa da Ryder Matos a inizio ripresa. Il Benevento ha l’immediata possibilità di pareggiare, ma Coda si fa parare il rigore da Silvestri. Con questo risultato l’Ascoli perde un’altra posizione e, anche se la graduatoria sarà veritiera solo alla fine del girone di andata, il ko di Venezia costa caro ai bianconeri che, in caso di vittoria, avrebbero potuto ritrovarsi come minimo tra le prime cinque. Con questi tre punti, in un colpo solo il Verona scavalca il Benevento e sale al quarto posto dove puà esseere raggiunto, o superato, solo dal Brescia che lunedì deve però fare punti a Salerno. Il 15° turno di andata fa poi registrare il ruggito del Livorno che batte 3-1 il Foggia e lo aggancia: le due squadre chiudono insieme la classifica. Nel pomeriggio della domenica, nulla di fatto tra la Cremonese e il Cittadella prossimo avversario dell’Ascoli sabato al “Del Duca”, che resta al quarto posto. A Livorno è protagonista Diamanti che porta in vantaggio i suoi due volte, la seconda in maniera definitiva. In mezzo, il momentaneo pari di Loiacono. Poi nel finale il tris di Bruno per i toscani. Intanto il Palermo ingrana la quarta, passa a Padova e resta solo al comando. I rosanero rimontano lo svantaggio (gol di Bonazzoli) e ne fanno tre con Trajkovski, Rajkovic e Nestorovski. Il Lecce non sfrutta invece la gara interna col Perugia, ma il punto gli permette di restare secondi alla pari col Pescara che all’Adriatico liquida il Carpi (autorete di M’Baye e Mancuso). Lo Spezia vendica la sconfitta del “Del Duca” e ne rifila quattro al Cosenza con Augello, Bartolomei, Okereke e Ricci. E’ di Citro la rete che permette al Venezia di agguantare proprio l’Ascoli a quota 19. Per chiudere il turno manca la notturna di lunedì Salernitana-Brescia.

Errore dal dischetto per Coda del Benevento

LA 15^ GIORNATA DI ANDATA

Venerdì 7 dicembre ore 21: Pescara-Carpi 2-0

Sabato 8 dicembre ore 12,30: Padova-Palermo 1-3

Sabato 8 dicembre ore 15: Lecce-Perugia 0-0, Spezia-Cosenza 4-0, Venezia-Ascoli 1-0

Domenica 9 dicembre ore 15: Cremonese-Cittadella 0-0, Livorno-Foggia 3-1

Domenica 9 dicembre ore 21: Benevento-Verona 0-1

Lunedì 10 dicembre ore 21: Salernitana-Brescia

Riposa: Crotone

CLASSIFICA: Palermo 29 punti, Pescara e Lecce 26, Cittadella 24, Verona 22; Perugia, Benevento e Brescia 21, Salernitana e Spezia 20; Ascoli, Cremonese e Venezia 19, Cosenza 14, Crotone 12, Padova 11, Carpi 10, Foggia e Livorno 9.

MARCATORI: 10 gol Donnarumma (Brescia); 8 gol Mancuso (Pescara); 7 gol Coda (Benevento); 6 gol Nestorovski (Palermo), Palombi (Lecce), 5 gol Bocalon (Salernitana), Diamanti (Livorno), Di Mariano (Venezia), Finotto (Cittadella), La Mantia e Mancosu (Lecce), Okereke (Spezia), Torregrossa (Brescia), Tutino (Cosenza), Verre (Perugia), Vido (Perugia); 4 gol Bonazzoli (Padova), Falco (Lecce), Morosini (Brescia), Pazzini (Verona), Strizzolo (Cittadella), Trajkovski (Palermo); 3 gol Ardemagni, Brosco e Cavion (Ascoli), Bandinelli (Benevento), Bartolomei e M. Ricci (Spezia), Cappelletti (Padova), Citro (Venezia), Firenze e Kwankwo (Crotone), Iori (Cittadella), Kragl (Foggia), Maniero (Cosenza), Melchiorri (Perugia), Monachello (Pescara), Mokulu (Carpi), Puscas (Palermo); 2 gol Insigne, Asencio e F. Ricci (Benevento), Baclet (Cosenza), Brighenti (Cremonese), Ninkovic (Ascoli), Budimir (Crotone); Capello, Mazzocco, Cappelletti e Ravanelli (Padova); Loiacono, Mazzeo, Gerbo, Tonucci, Deli, Galano, Camporese e Cicerelli (Foggia); Ryder Matos, Caracciolo e Di Carmine (Verona), Concas e Jelenic (Carpi), Bentivoglio (Venezia); Brugman, Cocco, Del Sole e Gravillon (Pescara), Casasola e Di Tacchio (Salernitana), Schenetti (Cittadella), Tabanelli (Lecce), Giannetti (Livorno), Mogos (Cremonese); Galabinov, Crimi e Pierini (Spezia), Henderson e Zaccagni (Verona); Rajkovic, Moreo e Salvi (Palermo), Tremolada (Brescia).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X