facebook rss

“Cappelli al borgo”, ad Offida
in mostra l’arte di Montappone

EVENTO - L'inagurazione è in programma mercoledì 19 dicembre allo show room "Ciù Ciù" in piazza del Popolo e resterà aperta fino al 27 febbraio. Il progetto è ideato dal Consorzio Piceni Art for Job e dal Museo del Cappello e patrocinato da Regione Marche, Comune di Offida, CNA Marche e Comune di Montappone

Una delle creazioni in mostra

L’arte del cappello di Montappone sbarca ad Offida per una mostra speciale che vedrà esposti, oltre a quelli tradizionali in paglia, anche cloche, cilindri, acconciature da cerimonia e altre creazioni collezionate negli anni dalla stilista Luciana Emili. Non mancheranno poi pezzi unici con preziosi ricami in tombolo offidano. La mostra sarà inaugurata mercoledì prossimo 19 dicembre alle 18 allo show room “Ciù Ciù” in piazza del Popolo. I cappelli di paglia, un tempo indispensabili anche nel lavoro, sono diventati anche il fulcro della produzione artigianale di Montappone dove si fabbrica ancora oggi l’85% di tutta la produzione nazionale e buona parte di quella mondiale. Accanto a questi, saranno in mostra anche una quarantina di copricapi italiani ed internazionali che Luciana Emili è riuscita a scovare nel tempo, con particolare attenzione alla qualità estetica e dei materiali. L’allestimento, a cura dell’artista Gina Galieni, in collaborazione con l’architetto Marzia Ascani e lo stilista Massimo Mancini, è un vero omaggio al mestiere dei cappellai. L’obiettivo finale è  promuovere la manifattura di qualità. Il progetto è ideato dal Consorzio Piceni Art for Job e dal Museo del Cappello di Montappone e patrocinato da Regione Marche, Comune di Offida, CNA Marche e Comune di Montappone. L’occasione perfetta per riscoprire il potere di un accessorio magico che parla di semplicità e fatica ma anche di fascino, pudore e seduzione. “Cappelli al borgo” resterà aperta dal 19 dicembre al 27 febbraio nei seguenti orari: lunedì – domenica dalle 10 alle 19. Dopo l’inaugurazione seguirà una degustazione di prodotti tipici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X