Quantcast
facebook rss

La neve avvolge Maceratese e Anconetano,
disagi soprattutto nell’entroterra

ALLERTA METEO - In provincia di Macerata problemi per la circolazione lungo la Provinciale tra San Severino e Castelraimondo. Disagi nelle frazioni di Cingoli e nelle zone di Tolentino e San Ginesio. Chiusi gli impianti sciistici a Pintura di Bolognola. In provincia di Ancona rami sulla strada per Monsano. Sulla Statale 76 si blocca un mezzo pesante. Pioggia mista a neve in nottata anche ad Ancona, Senigallia e Osimo. Grande lavoro per i Vigili del fuoco. Allerta fino a mezzanotte
...

Fabriano innevata

NEL MACERATESE disagi per la neve nell’entroterra con problemi alla viabilità lungo la Provinciale tra San Severino e Castelraimondo dove un camion è rimasto bloccato. Problemi in mattinata anche sulla Provinciale 361 tra Matelica e Castelraimondo, vicino al cementificio Sacci, per la perdita del carico da parte di un camion che ha costretto a una chiusura temporanea della strada. Criticità anche nell’erogazione della corrente elettrica in diverse zone dell’entroterra: in varie frazioni di Cingoli, in alcune zone di Tolentino e San Ginesio e tutta San Severino, per oltre un’ora. Problemi anche nell’area Sae di Fiastra dove la luce va e viene. Grande lavoro per i Vigili del fuoco, intervenuti per aiutare diversi mezzi in difficoltà e rimuovere alberi e rami caduti in tutta la provincia per il peso della neve che varia dai 10 centimetri caduti a 300 metri di altezza, sino ai 30 centimetri di Ussita. Decine di interventi per rami pericolanti o caduti nelle strada, come avvenuto a Tolentino e anche a Macerata nella strada d’accesso al servizio psichiatrico dell’ospedale. Attualmente sono tutti percorribili con catene i valichi appenninici verso l’Umbria. Percorribile anche la superstrada Civitanova-Foligno. La circolazione ferroviaria è rimasta bloccata per un’ora a causa di un albero caduto sulla linea ferroviaria tra San Severino e Tolentino, che ha provocato ritardi per alcuni treni. Chiusi fino a mercoledì gli impianti sciistici a Pintura di Bolognola.

NELL’ANCONETANO la neve è arrivata in nottata e Jesi che, come  molti paesi della Vallesina, stamattina si è svegliata coperta da un manto bianco. I disagi alla viabilità sono contenuti, almeno in città, e il Comune ha deciso di tenere aperte le scuole. I fiocchi bianchi hanno appesantito però i rami secchi che sono caduti sulla carreggiata della strada per Monsano e verso le 5  sono stati poi rimossi dai Vigili del fuoco. L’allerta meteo resta in vigore fino alla mezzanotte di oggi e le situazione nel pomeriggio potrebbe peggiorare nelle aree collinari. Anche Fabriano e il suo entraterra stamatina sono imbiancati e a pagare le conseguenze della neve è soprattutto la viabilità. Sulla Statale 76 con un mezzo pesante è rimasto bloccato tra Serra San Quirico e Albacina. Gli spazzaneve e i volontari della protezione civile sono al lavoro già dalle prime luci dell’alba. Pioggia mista e neve in nottata anche ad Ancona, Osimo  (soprattutto nella frazioni più a nord) e hinterland dove le strade sono libere da accumuli e quindi si transita senza alcun problemi.

Uliveti coperti di neve

La leggera nevicata della notte ha portato anche nel territorio di Senigallia la presenza di piccole cumulate di neve, inferiori ai 5 cm, che hanno comunque subito attivato il sistema di protezione civile per gli opportuni controlli. Particolare attenzione alle strade interne delle frazioni, dove con la neve si è registrata anche la presenza di alberi che ostacolano la circolazione, con situazioni monitorate nelle vie del Ferriero, Cannella-Roncitelli all’altezza della strada del Moroso, strada della Ruffina. Chiuso il sottopasso di Cesano. “La situazione è comunque sotto il controllo costante delle squadre operative, che stanno già intervenendo per risolvere le criticità emerse – fa sapere il Comune di Senigallia – le deboli nevicate sono previste nel territorio in cui ricade Senigallia fino alle 24 di questa notte: si ricordano pertanto alcuni utili accorgimenti per prevenire incidenti e pericoli: informarsi sull’evoluzione della situazione meteo, seguendo i canali istituzionali del Comune di Senigallia e le testate giornalistiche locali;  procurarsi l’attrezzatura necessaria in caso di neve e gelo o verificarne lo stato: pala e scorte di sale sono strumenti indispensabili per una abitazione o per un esercizio commerciale; non utilizzare mezzi di trasporto a due ruote; prestare attenzione alla propria auto che deve essere attrezzata per affrontare neve e ghiaccio: montare pneumatici da neve oppure avere a bordo catene da neve, preferibilmente a montaggio rapido; fare qualche prova di montaggio delle catene; verificare lo stato della batteria; aggiungere liquido antigelo nell’acqua del radiatore; verificare l’efficienza delle spazzole dei tergicristalli; verificare che in auto ci siano i cavi per l’accensione forzata, pinze, torcia e guanti da lavoro. Prima di mettersi in marcia con la propria auto liberarla interamente dalla neve, non limitandosi ai finestrini; tenere accese anche di giorno le luci anabbaglianti; mantenere una velocità ridotta per ridurre il più possibile le frenate e prediligere l’utilizzo del freno motore, evitando manovre brusche e sterzate improvvise; accelerare dolcemente e aumentare la distanza di sicurezza dal veicolo che precede; infine regolarsi in modo che in salita si possa procedere senza mai arrestarsi”.

(servizio in aggiornamento) 

 

Matelica (foto Valentina Spagnoli)

 

Castelsantangelo (foto Meteomont)

 

Ussita (foto Meteomont)

Bolognola (foto Meteomont)

Muccia, area sae Pian di Giove (foto di Manuel Casoni)

Macerata, rami caduti nella zona di accesso al servizio psichiatrico dell’ospedale

Muccia (foto Simona Orfini)

 

Ussita, area Sae Forapezza

San Severino (foto Francesca Forconi)

Mergnano San Pietro di Camerino (foto Claudia Bianchi)

Macerata, Giardini Diaz (foto Luca Sorbello)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X