Quantcast
facebook rss

Natale, lo scambio di auguri
dell’Associazione
Nazionale Polizia

RIPATRANSONE - Al "Torre del Gallo" si sono ritrovati 115 soci. A fare gli onori di casa il presidente Dario Romoli e il vice Giuseppe Mastrogiovanni, rispettivamente ex capo di gabinetto ed ex questore di Ascoli. Presente anche il presidente nazionale Claudio Savarese, ex comandante della Polstrada ascolana
...

Una delle premiazioni con il presidente della sezione di Ascoli, Dario Romoli (a sinistra) e il presidente nazionale Claudio Savarese (a destra)

di Simone Corradetti

Si è svolto a Ripatransone il pranzo sociale, per lo scambio dei tradizionali auguri di Natale, dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato. L’incontro conviviale è stato ospitato al ristorante “Torre del Gallo” alla presenza di ben 115 soci della sezione di Ascoli, con i vertici rappresentati dal presidente nazionale Claudio Savarese (ex comandante della Polizia Stradale di Ascoli), dal presidente della sezione ascolana Dario Romoli (ex vice questore e capo di gabinetto della Questura di Ascolli), il vice presidente Giuseppe Mastrogiovanni che è stato anche questore di Ascoli-Fermo, e il cappellano della Questura di Ascoli don Adam Baranski. Nell’occasione sono state consegnate alcune benemerenze ai poliziotti in pensione.

Il presidente Dario Romoli e il cappellano don Adam Baranski

Presidente Romoli, quali sono state le vostre iniziative nel corso del 2018?

«Come da tradizione abbiamo riunito i nostri associati per il pranzo di Natale ringraziandoli per il concreto impegno dimostrato. Nel 2018 l’Associazione Ascoli ha partecipato a tutte le manifestazioni civili, militari e religiose delle province di Ascoli e di Fermo. Inoltre abbiamo svolto attività di solidarietà destinando risorse economiche nei confronti delle famiglie più bisognose. In occasione del cinquantesimo anniversario dalla nostra fondazione, abbiamo organizzato viaggi in diverse città tra cui Roma, Chieti e L’Aquila dove abbiamo portato la nostra vicinanza alla popolazione colpita dal terremoto del 2009. Quest’anno abbiamo organizzato tre incontri conviviali per creare momenti significativi e di aggregazione tra i soci, con l’intento di aprirci alle giovani generazioni».

Cosa si aspetta dal 2019?

«Si prevede l’istituzione del gruppo territoriale di Fermo, che dipenderà dalla sezione di Ascoli. Poi vorremmo programmare nuove trasferte per i nostri sostenitori che ringrazio per il loro contributo».

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X