Quantcast
facebook rss

Samb, la “linea Maginot” regge
A Gubbio pareggio
e settimo risultato utile

SERIE C - La partita del "Barbetti" finisce 0-0, con i rossoblù che sfiorano il vantaggio grazie a una clamorosa traversa di Calderini nel primo tempo. Squadra solida che non prende gol da tre partite e resta vicina alla zona playoff. A Santo Stefano arriva la Fermana al "Riviera delle Palme"
...

di Benedetto Marinangeli 

La Samb prosegue la sua serie positiva. Con lo 0-0 di Gubbio sono sette i risultati utili consecutivi conquistati da Rapisarda e compagni. Al “Barbetti”, nonostante le ormai ataviche assenze, la formazione rivierasca non ha mai dato l’impressione di potere arrendersi ai padroni di casa. Anzi, la vera ed unica palla gol dell’incontro l’ha avuta Calderini che dalla lunga distanza al 10’ del primo tempo ha colpito la traversa.

Squadra corta abbottonata e spazi chiusi. E’ ormai questo il canovaccio delle gare della Samb che punta prima a non prenderle per poi provare a colpire al momento giusto. Ad oggi, in considerazione delle tante assenze, è questo l’unico atteggiamento tattico che i rossoblù possono adottare. Ed il fine giustifica i mezzi. La classifica si muove coni rossoblù che continuano a fare punti e a guardare al futuro con ottimismo. Chi, sicuramente, doveva fare di più, era il Gubbio. Gli umbri, infatti, giocando in casa puntavano decisamente al risultato pieno. Ma non avevano fatto i conti con l’atteggiamento tattico e mentale della Samb, che nelle evidenti difficoltà ha ritrovato compattezza e solidità.

Calderini ha colpito la traversa (Foto Cicchini)

Roselli è costretto a rinunciare a Celjak ed al suo posto in difesa ecco Gelonese, protagonista di un’ottima prestazione. In un ruolo non suo l’ex Ancona dimostra, semmai ce ne fosse stato bisogno, di avere importanti qualità sotto il profilo tattico. Pegorin non ha dovuto praticamente effettuare un intervento di rilievo, limitandosi ad un lavoro di ordinario amministrazione. Il Gubbio è sempre andato a cozzare sulla linea rossoblù, provando a scavalcarla con i lanci dalla propria trequarti. Ma Miceli e Zaffagnini sono stati insuperabili sui palloni aerei con Marchi nella morsa dei centrali rossoblù. Per l’attaccante umbro potrebbe essere l’ultima apparizione al “Barbetti”. A gennaio di trasferirà al Monza.

La Samb di Roselli non molla mai (Foto Cicchini)

Il 3-4-1-1 di Roselli con Ilari a ridosso di Calderini è ormai un modulo rodato che, certo, non lascia spazio allo spettacolo ma è molto utilitaristico ed efficace quando si deve fare risultato. Al 10’ è la Samb a sfiorare il vantaggio con una gran conclusione di Calderini che colpisce la traversa a Marchegiani battuto. I rossoblù chiudono bene ogni varco con il Gubbio in difficoltà a creare gioco. Il grande pressing di Signori e Rocchi in mediana impedisce infatti agli umbri di ragionare e giocoforza la difesa della Samb ha buon gioco. Al 18’ è Pegorin a deviare in angolo una punizione di Piccinni. Per il resto sterili iniziative da una parte e dall’altra.

Nella ripresa parte bene il Gubbio ma la difesa rossoblù regge sugli affondi di Marchi e De Silvestro. Galderisi cerca di dare maggiore verve alla manovra della sua squadra inserendo Casiraghi per Prescia e Battista per De Silvestro ma senza alcun esito. Roselli fa tirare il fiato a Calderini che in settimana ha accusato un attacco influenzale ed al suo posto ecco Russotto. L’ex Catania ci prova con un tiro cross controllato da Marchegiani. Nei minuti finali il Gubbio cerca il forcing finale ma senza alcun esito. E così la Samb torna a casa con un altro punto e con una difesa imbattuta da tre partite consecutive. E per il boxing day del giorno di Santo Stefano ecco il derby con la Fermana al “Riviera delle Palme”.

GUBBIO (4-2-3-1): Marchegiani 6; Paolelli 6 (36′st Tofanari sv), Espeche 6 Piccinni 6 Pedrelli 6; Benedetti 6 (26′st Tavernelli sv), Malaccari 6,5; De Silvestro 5,5 (15′st Battista 5,5), Plescia 5,5 (15′st Casiraghi 5,5), Casoli 5,5; Marchi 5. A disposizione: Battaiola, Nuti, Maini, Conti, Schiaroli, Ricci, Campagnacci, Morlandi. Allenatore: Galderisi 6.

SAMB (3-4-1-1): Pegorin 6 ; Gelonese 6,5 Miceli 6,5 Zaffagnini 6,5; Rapisarda 6 Rocchi 6,5 Caccetta 6 Signori 6,5 Cecchini 6,5; Ilari 6; Calderini 6 (18’st Russotto 6). A disposizione: Sala, Di Massimo, Brunetti, Islamaj, De Paoli, Panaioli, Gemignani. Allenatore: Roselli 6,5.

Arbitro: Pashuku di Albano Laziale 6 (assistebti Meocci e Testi).

Note: spettatori circa 1.000 di cui 200 provenienti da San Benedetto. Ammoniti: Rapisarda (S), Malaccari (G), Gelonese (S) e Casoli (G). Angoli 7-3 per il Gubbio. Recupero 0’+4′.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X