Quantcast
facebook rss

Un “mare” di droga alla Sentina,
gli imputati chiedono il rito abbreviato

ASCOLI - Il legale di Andrea Reccia ha chiesto al giudice di condizionare la concessione all'audizione di 15 testimoni. L'udienza è stata aggiornata a venerdì prossimo quando il giudice Caponetti scioglierà la riserva in merito alla richieste avanzate dalle difese
...

La droga sequestrata alla Sentina dalla Guardia di Finanza

Rito abbreviato condizionato all’ascolto di 15 testimoni e rito abbreviato “secco”. Sono state queste le richieste avanzate (nel primo caso) dall’avvocato Massimo Di Bonaventura e dai legali Christian Schicchi  e Paolo Cognini che difendono, rispettivamente, il napoletano Andrea Reccia e l’albanese K.D.. Si tratta degli imputati per i quali la Procura di Ascoli ha chiesto il processo dopo il sequestro, nella notte tra il 1 il 2 settembre 2017, di oltre 2.000 kg di marijuana rinvenuti in mare e in spiaggia nei pressi della foce del fiume Tronto. La richiesta è stata avanzata al giudice Barbara Caponetti nell’udienza che si è svolta questa mattina al tribunale di Ascoli. Il giudice si è riservato di decidere in merito alla richiesta avanzata dall’avvocato Di Bonaventura rinviando l’udienza a venerdì prossimo quando scioglierà la riserva. Per l’albanese invece la richiesta è stata accolta.

Maxi sequestro di droga alla Sentina, gli imputati di fronte al giudice


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X