Quantcast
facebook rss

“Le vacanze di Hegel”
tra cinema e filosofia

GROTTAMMARE - Ai nastri di partenza la terza edizione del corso targato Blow Up “La visione e l’enigma”, che coinvolge le scuole del Piceno: l’IIS “Fazzini-Mercantini”, il Liceo di Ripatransone, il Classico “G. Leopardi” di San Benedetto e il Liceo “Stabili-Trebbiani” di Ascoli. Si comincia il 12 gennaio all'Ospitale con l'intervento del regista Bocci
...

Ai nastri di partenza la terza edizione del corso sui rapporti tra cinema e filosofia intitolata “La visione e l’enigma”. Si tratta di una sezione “speciale” che fa parte della 24esima stagione dell’Associazione Culturale Blow Up, intitolata “Labirinti familiari”. Anche quest’anno sono coinvolti studenti e docenti di alcune scuole del Piceno: l’IIS “Fazzini-Mercantini” di Grottammare, con il Liceo di Ripatransone, il Liceo Classico “G. Leopardi” di San Benedetto del Tronto e il Liceo “Stabili-Trebbiani” di Ascoli.

Georg Wilhelm Friedrich Hegel

In questo terzo viaggio i ragazzi continueranno ad approfondire gli aspetti che rendono così vicine due forme ricche e potenti di espressione umana: la visione del cinema e l’enigma della filosofia. Uno scambio alla pari senza esclusione di analisi a partire da letture di testi e proiezioni di sequenze. Gli incontri sono coordinati da un gruppo di lavoro misto, composto da insegnanti (Lorella Capriotti, Luigi Clemente), studenti (Beatrice Vannicola, Simone Amabili, Adriana Buttafoco, Gaia Viviani, Susanna Biancucci, Giorgia Crocetti, Paolo Petrucci, Erika Basciani, Martina Esposito) e membri di Blow Up (Fabrizio Leone, Vanessa Ciarrocchi).
I quattro laboratori, che si svolgeranno dalle 16 alle 19 a partire da sabato 12 gennaio presso la nuova sede nell’Ospitale Casa delle Associazioni al Paese Alto, sono aperti a tutti e si configurano come un vero e proprio corso di formazione alla fine del quale sarà possibile ottenere anche un attestato di frequenza.
Nel primo appuntamento del 12 gennaio, intitolato “Le vacanze di Hegel – L’astrazione da Anassimandro a Sandro Bocci“, si proverà a riflettere sulla dimensione dell’astrazione tra cinema, arte e filosofia. Si affronteranno concetti chiave come astratto e concreto, rappresentazione e interpretazione, arte e immaginazione, forma e contenuto, fisica e metafisica. Per questa sessione ci sarà un ospite d’eccezione: il regista Bocci, autore di documentari sperimentali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X