facebook rss

Lungo la Via Salaria,
fino al centro esatto d’Italia

VIAGGIO lungo la storia della più antica tra le vie consolari che ai tempi di Roma collegavano il Mar Tirreno e l’A­dria­tico. Dalla Porta Romana di Ascoli fino ad Acquasanta ed Arquata, per arrivare all'ombelico del Paese, la splendida Antrodoco. Un percorso che ricalca l'incompiuta della Ferrovia dei Due Mari, di cui si favoleggia ormai dal 1841

I tetti di Antrodoco lungo la stretta valle del Velino

di Gabriele Vecchioni

(foto di Amerigo Chiodi, Carlo Perugini e Gabriele Vecchioni)

Le vie che, ai tempi di Roma antica, mettevano in comunicazione il Mar Tirreno e l’A­dria­tico erano tre: da nord a sud, la Via Flaminia, la Salaria e la Tiburtina Valeria. La Flaminia, realizzata nel secolo II Avanti Cristo utilizzando pree­sistenti percorsi etruschi, collegava Roma con Ariminium, l’odierna Rimini, dopo aver toc­cato Fano (l’antica Fanum Fortunae) e Pesaro. Il nome le derivava da quello di Caio Flami­nio, console che cadde nella sfortunata (per i Romani) battaglia del Trasimeno (217 AC).
«La Via Salaria usciva da Roma a Porta Collina e, percorrendo il corso del Velino e del Tronto, raggiungeva Asculum, a 120 miglia da Roma, e giunta al lido dell’Adriatico a Ca­strum Truentinum (foce del Tronto), proseguiva poi lungo la costa» (La Provincia di Ascoli Piceno, 1898). Via antichissima, ricalcava antichi percorsi utiliz­zati per il trasporto del sale dalle saline di Ostia (alla foce del Tevere) fino alla Sabina (grosso modo, l’area di Rieti); più tardi si fuse con il percorso che, sfruttando la valle del Tronto, penetrava nel Piceno e valicava le alture appenniniche.

La gigantesca scritta DVX sul Monte Giano, realizzata nel 1939 con un impianto a pino nero e restaurata dalla Regione Lazio nel 1995 e nel 2004 come “monumento naturale”, prima e dopo l’incendio del 2017

La Tiburtina Valeria arrivava a Tibur (Tivoli) e poi, per Alba Fucens (vicino al Lago Fu­cino) giungeva sulla costa adriatica, alla foce del fiume Aterno (Ostia Aterni, l’attuale Pescara). Il nome Valeria deriva da quello del console (Marco Valerio, 286 AC) che ne dispose la pavimentazione in pietra. Un ulteriore intervento (sec. I DC) da parte dell’imperatore Claudio fece attribuire il nome di Claudia Valeria all’ultimo tratto. Anche questa era una via molto antica, che ri­calcava vecchi percorsi pastorali della transumanza.
Delle tre, la più “vecchia” era sicuramente la Salaria.

La stazione ferroviaria di Antrodoco-Borgo Velino (dal web). La foto è pubblicata come auspicio: potrebbe essere, un domani, una tappa della Ferrovia Salaria

Il nome e la storia. Le vie consolari romane prendevano il nome dal console che ne aveva favorito la costruzione o la sistemazione (p. e., Cassia, Appia, Aurelia, Flaminia). Quello della Salaria, invece, de­riva dal suo principale utilizzo: «[…] la via Salaria è così chiamata perché attra­verso questa i Sabini tra­sporta­vano il sale dal mare» (Pli­nio il Vecchio, Naturalis Historia, sec. I DC). La via serviva quindi a trasportare una merce preziosa (il sale era necessario, oltre che per insaporire e conservare le vivande, anche per conciare le pelli animali). Memoria dell’importanza del sale nella storia antica è rimasta nel termine “salario”, che indica la retribuzione del lavoratore subordinato ma deriva dalla quantità di sale che spettava ai soldati.

Il complesso di Santa Maria extra moenia; in primo piano, il Battistero. Sullo sfondo, il Monte Giano

Nel volume Marche (TCI, 1953) si legge: «La Via Salaria, percorsa dai Sabini allorché dalla conca reatina si mossero a popolare con i Piceni la regione a sud del Conero, è la “via breve” ricordata da Strabone, lungo la quale si esercitava il traffico del sale dall’Adriatico col Lazio e l’Urbe, traffico che durò fino al ‘500». L’attributo “breve” le deriva dal fatto che «[…] tra le strade consolari era la più corta; essa difatti non estendevasi oltre le 166 miglia antiche stando all’Itinerario Antonino. Era ed è la via più naturale e diretta, che da Roma potesse aprirsi traverso la media Italia» (Alighiero Castelli, 1886).
Nel 290 AC i Romani sconfissero i Sanniti e iniziarono la conquista dell’attuale Abruzzo; dal 289 al 283 AC furono dedotte le colonie di Hatria (Atri) e Castrum Novum (Giulianova); lo sbocco al mare orientale fu garantito con il completamento dell’impor­tante via esistente, la Salaria che fu la prima via romana a unire i due mari, il Tirreno e l’A­driatico.

Al centro, l’obelisco, sormontato da una sfera metallica, e la piccola lapide esplicativa (spiegazione nel testo)

La Via Salaria entrava ad Ascoli passando per Porta Romana, così chiamata per­ché posta in direzione della Città Eterna. In questo articolo seguiremo il tragitto inverso, partendo da Ascoli e dirigendoci verso l’area montana.
Per un lungo tratto, la via costeggia, con andamento sinuoso, il corso del fiume Tronto, incuneandosi tra dorsali coperte di boschi. Subito dopo il bivio per Rosara, si incontra, a destra, il maestoso platano conosciuto come l’albero di Piccioni (qui il precedente articolo).

Suggestiva immagine dell’abside dalla navata laterale della chiesa Santa Maria extra moenia

Il recente terremoto ha danneggiato diversi paesi, distruggendone, letteralmente, altri: viaggiare lungo la Salaria e attraversare le zone di Acquasanta, Arquata e l’Amatriciano è un autentico “viaggio del dolore”, vedendo le devastazioni e rendendosi conto di come gli eventi sismici abbiano sconvolto, oltre al tessuto insediativo, anche quello so­cio-econo­mi­co. Superata Accumoli (o, meglio, quello che rimane del borgo) si devia per Torrita e si entra nel Reatino, dove i danni materiali sono minori ma pur sempre evidenti.
Il paesaggio aspro e montagnoso si addolcisce un po’, per tornare di nuovo accidentato vi­cino ad Antrodoco (l’antica Interocrium – tra i monti): qui, come già nella prima parte del tragitto de­scritto, la Via Salaria percorre un territorio dal grande valore paesaggistico, fa­cendosi largo tra alte pareti rocciose.

L’interno della chiesa, ora interdetta per il terremoto del 2016-17. Gli affreschi sono del sec. XV

Antrodoco, il borgo al centro dell’Italia. La cittadina aveva una posizione strate­gica importante, perché era una mansio della Salaria, che risa­liva la valle del Velino, e da qui si staccava la deviazione che, attraverso una profonda gola, arrivava alla sabina Amiternum.
In epoca romana, il borgo vide la presenza degli imperatori della dinastia Flavia, Vespasiano, Tito e Domiziano. Nel 1231 fu assediata da Federico II per debellare l’opposizione dei signori delle terre al confine del suo regno; il conte dei Marsi, insieme con altri baroni, si fortificò nella rocca e resistette, con l’aiuto dei montanari locali, finché l’imperatore non fu costretto a levare l’as­sedio. Cinque anni dopo, Antrodoco fu distrutta dagli Aquilani e, successivamente dagli abitanti di Cittaducale (sec. XV); nel 1494 resistette ai Francesi di Carlo VIII: il re di Napoli le attribuì il titolo di urbs fidelissima, esentandola dalle imposte. Nel 1536, fu ceduta in si­gnoria al capitano delle truppe pontificie Giambattista Savelli; passò poi al marchese fio­rentino Giugni.

L’affresco del Giudizio Universale (spiegazioni nel testo)

L’angusta Gola di Antrodoco, nel 1799, vide gli abitanti del borgo respingere una colonna di soldati francesi; lo scontro più noto, passato alla storia come il primo fatto d’armi del Risorgi­mento italiano, av­venne il 7 marzo 1821, immediatamente prima della battaglia di Tolentino. Le truppe austriache del generale Johann Frimont superarono la gola e occuparono la cittadina perché il generale Guglielmo Pepe, comandante dell’esercito napoletano, non attese il nemico protetto dalla fortissima posizione naturale ma lo affrontò nella valle del Velino. L’esercito austriaco, più ordinato ed efficiente, ebbe ragione facilmente delle poco organizzate schiere na­poletane.

Affreschi nel Battistero. A sinistra, San Cristoforo; a destra, San Giovanni Battista, santo titolare

Santa Maria extra moenia e il battistero di San Giovanni. È una chiesa antichissima, le­gata all’insediamento precoce di una comunità cristiana, per la presenza di un nodo stra­dale importante. Lo ricorda Tersilio Leggio che scrive: «La “via del sale” fu poi un per­corso lungo il quale il cristianesimo si diffuse capillarmente a corolla. L’avanzare della nuova religione è marcato dalla presenza di numerosi luoghi di culto lungo il suo tragitto e che divennero luoghi sacri, mèta di devozione popolare» (La Salaria cristiana, 2000). L’edificio, a tre navate, fu eretto nel sec. V a lato dell’antica Via Salaria, sui resti di un tem­pio preesistente di Diana. Il com­plesso romanico attuale, risalente all’anno Mille, fu sistemato nel sec. XIII e presenta, al­l’interno, affreschi dei secc. XIII, XIV e XV; l’alto campanile, opera di maestri lombardi, è del sec. XII. Alla base della semplice facciata a capanna, alleggerita dalla presenza di un o­culo, un piccolo obelisco sormontato da una sfera metallica indica il centro geografico della penisola italiana. A onor del vero, anche le città di Rieti e di Narni rivendicano questo primato e, ad Aquae Cuti­liae, luogo mitico di partenza delle migrazioni sabine, l’umbi­licus era stato individuato da un oracolo dei Pelasgi, misterioso popolo arrivato dalla Grecia e passato per il Piceno.

Arrivo della prima locomotiva alla stazione di Antrodoco-Borgo Velino (ottobre 1883). A destra, il manifesto che annunciava l’evento

All’interno del battistero (secc. XI e XV), isolato e a pianta esagonale, sono presenti diversi cicli pittorici e un magnifico affresco (il Giudizio Universale) che occupa l’intera controfacciata. Nella rappresentazione, in primo piano, una psicostasìa (pesatura delle anime) di San Michele Arcangelo preannunciata da angeli trombettieri. A sinistra, la Torre del Paradiso con i Beati e, a destra, una raffigurazione arcaica del Diavolo che “cattura” i dannati con i suoi tentacoli; nella rappresentazione “manca” il Purgatorio. Nella fascia superiore, Cristo in gloria tra gli apostoli e la Vergine, in una mandorla mistica appena ab­bozzata.
La Ferrovia dei Due Mari. Recentemente, Antrodoco è salita alla ribalta locale per l’inte­ressamento di diversi soggetti (politici e non) per il progetto (o sogno) di una tratta ferroviaria Ascoli-Antrodoco. Dato il già esistente collegamento con Rieti (ramo della linea Ter­ni-Sulmona, in essere fin dal 1883), il passo successivo sarebbe il prolungamento fino alla capitale: in altre parole, si tratta del completamento della Ferrovia dei Due Mari (o Ferrovia Salaria), progettata fin dal 1841 e non ancora completata.

Pietre istoriate di recupero

Il portale della Collegiata di Santa Maria proviene dalla chiesa di Santa Maria extra moenia

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X