facebook rss

Un secolo di Polizia Scientifica
nella mostra in Prefettura

ASCOLI - Si intitola "Frammenti di Storia" e sarà visitabile a Palazzo San Filippo fino al 12 febbraio. Immagini di storici fatti a livello nazionale, ma anche locale come l'omicidio Colacioppo, l'uccisione di Valerio Viccei, lo scontro dei Tornado, il terremoto. Verrà ricostruita anche una scena del crimine

La Questura di Ascoli (Foto Vagnoni)

Verrà inaugurata sabato prossimo 9 febbraio alle ore 11 a Palazzo San Filippo di Ascoli, sede dells Prefettura, la mostra fotografica “Frammenti di Storia”, ovvero… l’Italia attraverso le impronte, le immagini e i sopralluoghi della Polizia Scientifica. La mostra racconta alcuni dei momenti salienti che hanno caratterizzato il lavoro di chi, da sempre, è in prima linea per mettere in campo le tecnologie più avanzate al servizio dell’ordine e della sicurezza pubblica. Si tratta del primo evento di questo tipo, dedicato finalmente ai valori e alla storia ultracentenaria della Polizia Scientifica. A partire dai primi del Novecento, infatti, una delle principali attività d’intervento è stata quella di cristallizzare la scena del crimine.

Con questa mostra, si è scelto di puntare su documenti e fotografie per fermare per sempre il tempo su alcuni momenti più drammatici dell’Italia degli ultimi decenni. Come l’arresto di Sandro Pertini, l’omicidio Matteotti, il mostro di Firenze, le stragi di mafia e quelle dell’eversione nera a livello nazionale. Ma anche fatti di cronaca locale come l’omicidio Colacioppo, l’uccisione di Valerio Viccei, lo scontro tra i Tornado, il terremoto. Il percorso della mostra si snoderà lungo la scalinata interna fino al secondo piano dove, in una delle stanze, verrà ricostruita una scena del crimine a cura della Polizia Scientifica. La mostra è aperta sabato 9 febbraio dalle ore 15 alle 19, poi da domenica 10 a martedì 12 febbraio dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Info: 0736.355746.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X