facebook rss

Segnaletica: la legge
della compensazione (Le foto)

ASCOLI - Dopo i posti "sottratti" ai residenti per far spazio ai mezzi della Guardia di Finanza, il Comune applica una sorta di deroga al divieto di sosta per la pulizia di Mazzini e in via Tullio Lazzari. Quando la coperta è troppo corta: maggiori possibilità di parcheggiare, ma strade più sporche

Il cambio del divieto di sosta in corso Mazzini

di Andrea Ferretti

La legge della compensazione. Il termine, abusato sui campi di calcio per descrivere l’approssimativa decisione di un arbitro che tenta (spesso goffamente) si rimediare a una precedente decisione altrettanto approssimativa, sembra essere stata adottata dal Comune di Ascoli. Nello specifico, dal comando della Polizia Municipale. Nei giorni scorsi una bella fetta di residenti del centro storico si sono ritrovati di colpo, in corso Mazzini, posti auto in meno poiché assegnati per la sosta delle auto della Guardia di Finanza.

I nuovi divieti di sosta indicati sulla segnaletica verticale (i cartelli) possono trarre in inganno, mescolati come sono a quelli preesistenti di divieto di sosta per pulizia strade. Per evitarlo, il Comune ha provveduto a disegnare gli stalli con vernice gialla siglandoli “GdF”. I residenti hanno ingoiato il rospo ma, come avevamo previsto, il Comune ha rimediato concedendo deroghe parziali sugli altri divieti di sosta. Nelle ultime ore – la maggior parte dei residenti ne è ancora all’oscuro – è stata modificata la segnaletica in corso Mazzini, da piazza Sant’Agostino a Porta Romana. I divieti di sosta del giovedì dalle ore 5 alle 8, per permettere il passaggio della macchina spazzatrice che pulisce le strade, sono stati modificati e riguardano solo il primo giovedì (o venerdì, o sabato) del mese. Stessa cosa in via Tullio Lazzari per le mattinate del venerdì e del sabato.

Per farla completa, è probabile che il Comune dopo averlo fatto con la Guardia di Finanza provveda a ridisegnare la segnaletica orizzontale gialla anche altrove. Da alcuni sopralluoghi effettuati dalla Polizia Municipale, sembra che due nuovi stalli potrebbero comparire in Piazza di Cecco, addirittura a ridosso della rotatoria e a pochi centimetri dall’incrocio. Lì al momento è divieto di sosta anche se le fermate momentanee di auto e furgoni sono ormai routine. Tornando a corso Mazzini, essendo la coperta troppo corta, d’ora in poi: maggiori possibilità di parcheggiare ma anche strade più sporche.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X