Quantcast
facebook rss

In duecento da Terrani:
«Siamo aperti a tutti»
(Foto e Video)

FOLIGNANO - Presentato il candidato sindaco della lista "Folignano Bene Comune". L'auspicio dell'attuale primo cittadino Angelo Flaiani: «Amministra il Comune come una famiglia, in arrivo 14 milioni di lavori»
...

«Oggi parte una nuova a avventura, costruiremo una lista civica come abbiamo sempre fatto. Con noi possono trovare spazio tutti». Si è presentato con queste parole Matteo Terrani, assessore alla cultura uscente e segretario provinciale del Pd ed ora candidato sindaco della lista “Folignano Bene Comune” attualmente al governo con il primo cittadino Angelo Flaiani. Di fronte ad oltre duecento persone (tra cui la vice presidente della Regione Anna Casini, l’onorevole Luciano Agostini e il capogruppo consiliare ascolano Francesco Ameli) giunte alla sala consiliare di Villa Pigna, Terrani ha pronunciato le sue “parole d’ordine”.

«Onestà (senza conflitti di interessi, saremo rigorosi), metodo amministrativo, visione di territorio da trasmettere alla cittadinanza. Ci trasformeremo dopo il voto in movimento civico. Ci riuniremo per prendere scelte. Siamo aperti al contributo di tutti, senza rinnegare e senza etichette». «Angelo (Flaiani, ndr) mi ha insegnato tantissimo sul piano amministrativo e umano -aggiunge Terrani-  Folignano è un posto migliore dopo 10 anni, è un dato di fatto. Lo ringrazio perché non è comune rimettersi in gioco a sostegno della lista. Il candidato funziona quando sono gli altri a chiedertelo».

Lo stesso Flaiani ha tracciato un primo bilancio dei suoi 10 anni di amministrazione. «La scelta di Matteo che ho fortemente condiviso punta a una continuità amministrativa -afferma il sindaco che si ricandiderà nella lista- abbiamo pagato 2,5 milioni di euro di cause per errori di precedenti amministrazioni. Ma ne siamo venuti fuori. Il terremoto è stata una disgrazia affrontata in modo corretto. Sarà difficile per l’opposizione dire che non è stato fatto niente e la Folignano dei prossimi anni sarà migliore di quella che abbiamo oggi. Il prossimo sindaco avrà 14 milioni di opere finanziate. Il bilancio ha un plus di 800.000 euro senza aver mai fatto ricorso a fidi. Questi dati sono frutto del lavoro e non del caso».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X