Quantcast
facebook rss

Vivarini: «Sfida piena di insidie
Giocheremo con due punte?
Devo ancora valutare tutto»

SERIE B - La vigilia di Ascoli-Foggia avvelenata dalle polemiche dopo la lettera aperta del presidente dei pugliesi alla Lega e alla Federcalcio in cui Fares attacca l'arbitro dopo l'1-1 dei rossoneri col Benevento. Per il "Del Duca" Morganti ha designato Giua di Olbia
...

Vincenzo Vivarini

di Bruno Ferretti

Una dura presa di posizione del presidente del Foggia, Lucio Adolfo Fares, infiamma la vigilia della partita contro l’Ascoli. Ha scritto una lettera aperta a Mauro Balata, presidente della Lega B, e a Gabriele Gravina presidente della Federcalcio, lamentandosi per il comportamento di Livio Marinelli, l’arbitro di Tivoli che nell’ultimo turno ha diretto Foggia-Benevento. A parte l’espulsione di Gerbo (considerata assolutamente ingiusta), e di altri tre tesserati dalla panchina aggiuntiva, colpevoli solo di essersi alzati in piedi, Fares ha attaccato l’arbitro che secondo lui “ha danneggiato a più riprese, con decisioni discutibili, la sua squadra facendosi anche beffa dei quasi 12.000 spettatori foggiani presenti sugli spalti”.

Fares, presidente del Foggia

Fares ricorda anche alcuni precedenti (negativi) dell’arbitro Marinelli con il Foggia, e lo accusa apertamente di “incompetenza e prevenzione nei confronti della sua società” e chiede, in futuro, “di avere arbitri competenti, preparati e di specchiata onestà e moralità”. Insomma un autentico siluro verso l’arbitro Marinelli che a questo punto non arbitrerà sicuramente più il Foggia. L’Ascoli deve augurarsi che la dura presa di posizione del presidente del Foggia non condizioni l’arbitro al quale il designatore della B, l’ascolano Emidio Morganti, ha affidato Ascoli-Foggia. Si tratta di Antonio Giua di Olbia. I suoi assistenti sono Giovanni Baccini di Conegliano e Andrea Capone di Palermo, quarto ufficiale Manuel Volpi di Arezzo.

Vivarini ha tenuto la conferenza stampa della vigilia al “Picchio Village” prima dell’allenamento a porte chiuse. Il tecnico ha ufficializzato il forfait di D’Elia (contrattura muscolare) oltre a quella, solita, di Ardemagni che si sta curando a Torino. «Il Foggia è un avversario temibile che non perde da tanto tempo e dovremo affrontarlo con la massima attenzione – le parole di Vivarini-  è una sfida con molte insidie. Devo valutare le condizioni di alcuni giocatori. Baldini ieri aveva l’influenza. Troiano, Laverone e D’Elia sono tornati acciaccati da Cremona. Confermare il tandem d’attacco Rosseti e Beretta come a Cremona? E’ una ipotesi, ma anche loro due sono molto affaticati, soprattutto Rosseti – prosegue Vivarini – mentre Lanni si è ristabilito e Ardemagni sta ormai completando il recupero e sarà in tribuna. Rubin al posto di D’Elia? E’ un giocatore esperto che conosce bene la B, vedremo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X