facebook rss

Carnevale, lo spettacolo delle scuole
Oltre 2.000 bambini aprono la festa
Da Cecco all’antico Egitto, tutti i gruppi
La fotogallery

ASCOLI - Complice il meteo favorevole, il giovedì grasso è partito alla grande con una pacifica invasione di baby maschere tra piazza del Popolo e piazza Arringo. Musica, animazione e performance sotto l'egida di Re Carnevale (Marco Olori) e Buonumor Favorito (Amedeo Lanciotti). Arrivano anche i moccoli da Castignano e gli Zanni da Umito di Acquasanta Terme. Domani il "Bove finto" ad Offida

Piovono coriandoli dal cielo

di Luca Capponi 

(foto di Andrea Vagnoni)

Osservare i bambini che festeggiano il Carnevale fa bene al cuore. E’ il tramandare una tradizione che tra le cento torri è molto sentita, è la voglia di distrarsi, per un giorno, due o tre che siano, dalle noie di un quotidiano routinario e difficile, è lo stare insieme per crescere. E’ il regno della fantasia.

Micio intrattenitore in piazza del Popolo

Ecco spiegato perché in molti non sono voluti mancare al colorato raduno che ha dato il via al periodo carnascialesco. Nella mattinata di giovedì grasso 28 febbraio, dunque, piazza del Popolo e piazza Arringo sono diventate il cuore dell’evento organizzato in tandem tra l’associazione “Il Carnevale di Ascoli” ed il Comune; oltre 2.000 bambini delle scuole e 24 gruppi mascherati a divertirsi tra coriandoli, animazione ed esibizioni. Chi in dialetto (come usanza vuole), chi cantando e ballando (con gli spericolati musici del Canzoniere Piceno Aprutino), magari insieme a Re Carnevale (un vulcanico Marco Olori) o a Buonumor Favorito (Amedeo Lanciotti), chi semplicemente…nel passeggino ma comunque in maschera. Il meteo particolarmente favorevole, con una giornata tipicamente primaverile, ha favorito la partecipazione di tutti.

Il Re Carnevale Marco Olori

I palcoscenici allestiti nelle due piazze (uno condotto da Marco “Micio” Regnicoli, l’altro da Stefania Di Agostino) hanno ospitato a turno le performance organizzate con perizia dai docenti e portate in scena dai bimbi; da Cecco l’astrologo (in onore del mito Francesco Stabili) fino all’antico Egitto, agli scacchi ed alla febbre non del sabato ma…della domenica sera. Menzione meritata, dunque, per gli istituti coinvolti: Malaspina, Rodari, San Serafino e Mozzano, Don Giussani, D’Azeglio, le scuole di Pagliare e Poggio di Bretta; e poi, ancora, San Domenico, Sant’Agostino, San Gaetano, via Speranza, Luciani-infanzia Montessori, Falcone e Borsellino, Ceci-Cantalamessa; la scuola di Villa Pigna e l’Isc Folignano-Maltignano.

Si balla anche in piazza Arringo

Tante idee, tanta spettacolo, tanto amore per il Carnevale. Che non è solo Ascoli, ma anche Offida, Acquasanta e Castignano, coi piccoli “zanni” e i moccoli in prima fila a sancire un ideale gemellaggio tutto piceno.
Nel pomeriggio, sempre il salotto buono ha ospitato la trentaquattresima edizione della “Festa della Fantasia”, che ha visto in gara 6 gruppi: “Furia stran i a scola”, “Se probbia n’vuò mbarà te manneme a zappà”, “Li persò ce vò, no li pupazze”, “Che la pioggia e che lu sole se marita li cucciole”, “Ca’ semare e servtù ressemigghia tutte a li padrù”e “Ce stié 3 coccodrille”. Tra gli applausi del pubblico presente è stato proclamato vincitore il gruppo “Ca’ semare e servtù ressemigghia tutte a li padrù”, premiato da Re Carnevale.

Dopo la giornata di venerdì 1 marzo, dove l’obiettivo di sposterà ad Offida per il “Bove finto“, sabato si torna in città con altre iniziative interessanti come il raduno nazionale dei cosplay all’auditorium “Neroni” (ore 16) e la mitica raviolata organizzata da Li Precise al chiostro di San Francesco (ore 17,30).

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X