facebook rss

Carnevale senza parcheggi e senza navetta
Le maschere ascolane alla ribalta nazionale

ASCOLI - La potenza di fuoco dei social ha catapultato immediatamente in tutta Italia lo spettacolo unico dello Zelig sotto le Cento Torri. I novelli Magda e Furio superstar e "condivisi" anche da Selvaggia Lucarelli

La maschera di Furio e Magda (al secolo Stefano “Saffo” Marozzi e Chiara Giovannozzi) che ha fatto il giro d’Italia (Foto Andrea Vagnoni)

di Renato Pierantozzi

Alla fine quello che sono mancati nelle domenica da record del Carnevale ascolano sono stati…i parcheggi. “Croce e delizia” degli ascolani per tutto l’anno, ne sarebbero serviti centinaia e centinaia di più visto l’assalto al centro storico ascolano complice l’evento carnascialesco unico nel suo genere, una giornata semi estiva e anche l’assenza di altri eventi simili nella zona. Beffati anche tanti automobilisti che avevano parcheggiato l’auto allo stadio in attesa della navetta per il centro che invece non è attiva nei giorni festivi. Magari per l’anno prossimo ci si può pensare. Per il resto il fiume di veicoli ha invaso tutti i quartieri (come nel caso di Borgo Solestà)  alla ricerca disperata di un posto, mentre auto in sosta sono state segnalate addirittura alla “pesa” a porta Romana e lungo la strada per Venarotta. Lunghe code anche alle uscite della Superstrada e lungo la Circonvallazione. Intanto, grazie anche alla potenza di fuoco dei social, le immagini dell’evento ascolano stanno rimbalzando in tutta Italia. Ha iniziato la giornalista e blogger Selvaggia Lucarelli (seguita da 1,3 milioni di persone su fb) che ha postato l’immagine della coppia di verdoniama memoria composta da Magda e Furio e il piccolo Antongiulio impersonificati da Stefano “Saffo” Marozzi, la moglie Chiara Giovannozzi e il figlio. Il post della Lucarelli ha ottenuto oltre 12mila tra like ed altre reazioni, 631 commenti e 423 condivisioni. «Ecco il genio», ha commentato poi la Lucarelli dopo che la protagonista gli ha svelato la sua identità. La foto è poi rimbalzata anche sul profilo social Repubblica XL, l’inserto del quotidiano nazionale. Imperdibili anche gli altri protagonisti: da Nicola Conese in veste del dittatore Kim Jong-un a Flavia Cenciarini nei panni del foodlover Guido Di Stefano senza dimenticare l’avvocato Mauro Gionni nei panni di Filippo D’Inghilterra con la gag “principe al volante, pericolo costante” dopo l’incidente in auto dell’anziano sovrano. O Saverio Di Simone nei panni de “lu cuntadì social” con il suo dilemma:: !tu whatsappà o vuò fa’ li selfie?”. Martedì si replica, buon carnevale a tutti.

Mauro Gionni in versione “Principe Filippo”

Saverio Di Simone

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X