facebook rss

L’Ascoli ha subìto ben 11 rimonte:
difetto di attenzione o solo casualità?

SERIE B - I bianconeri passano in vantaggio, ma poi vengono raggiunti. E' accaduto troppe volte: quattro consecutive nelle ultime partite contro Foggia, Carpi, Livorno e Verona. Quasi un record negativo della squadra di Vivarini che poteva avere una classifica migliore

Rosseti e Beretta nelle due ultime gare hanno portato in vantaggio l’Ascoli, poi rimontato da Livorno e Verona (Foto Edo)

di Bruno Ferretti

Nove rimonte (quattro consecutive nelle ultime partite), ma possiamo dire undici perché sia in Foggia-Ascoli 3-2 all’andata che in Ascoli-Foggia 2-2 al ritorno, le rimonte sono state… doppie. Se fosse riuscito a mantenere i vantaggi acquisiti, insomma, ora l’Ascoli sarebbe in una ben diversa posizione di classifica. Sicuramente più vicino alla zona playoff che playout.

Il gol di Ngombo a Carpi: poi sarà 1-1

La prima rimonta subìta risale alla quinta giornata: Salernitana-Ascoli 1-1 (gol di Ninkovic e Di Tacchio). Poi Foggia-Ascoli 3-2: avanti con Brosco, i bianconeri subiscono il sorpasso, ma si riportano in parità con Ganz prima di incassare la rete decisiva di Gerbo. Anche la sconfitta in casa col Padova (2-3), che rovina la festa del 120°, è frutto della rimonta ospite. Poi Ascoli-Brescia si chiude 1-1, con il pareggio dei lombardi di Bisoli in pieno recupero, dopo il gol di Rosseti. Rimonta e vince (2-4) la Salernitana al “Del Duca” vanificando le marcature di Ninkovic e Beretta. Quindi è arrivata la trasferta a Carpi. Contro gli emiliani dell’ex Castori, Ascoli avanti con Ngombo, ma nella ripresa il Carpi impatta con Poli.

Il resto è storia recente: 1-1 con il Livorno al “Del Duca” e 1-1 a Verona con l’Ascoli che, in entrambe le gare, si è portato in vantaggio. Contro i toscani al “Del Duca” il gol di Beretta è stato annullato dal rigore di Diamanti. Contro i veneti al “Bentegodi” quello di Rossetti dalla rete di Pazzini. Nove rimonte, o undici che siano, sono comunque davvero tante. Quali le cause? Mancanza di attenzione e solo casualità? Di sicuro, in questa decisiva fase finale del campionato l’Ascoli dovrà cercare di evitare altre rimonte e difendere con i denti e le unghie i vantaggi acquisiti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X