facebook rss

L’Atletico Ascoli
vince in rimonta (2-1)
sulla Civitanovese

PROMOZIONE - Armellini dopo mezzora illude gli uomini di mister De Filippis. Nella ripresa Coccia e Sosi firmano il successo della vice capolista. Festeggia la squadra di Stefano Filippini che ormai non può nascondersi più
...

Esultanza rossoblù al gol del momentaneo 0-1

di Salvatore Mastropietro

Finisce 2-1 al “Picchio Village” di Ascoli Piceno il match tra Atletico Ascoli e Civitanovese. I padroni di casa ottengono un prezioso successo in rimonta con reti di Coccia e Sosi. Gli ospiti, passati in vantaggio con Armellini, non sono riusciti a portare via punti dal campo della seconda della classe, nonostante la superiorità numerica negli ultimi venti minuti. Gli uomini di De Filippis restano fuori dalla zona playoff e non approfittano del passo falso del Monturano Campiglione e dell’Atletico Azzurra Colli. Gli ascolani, invece, riscattano la sonora sconfitta di Macerata e mantengono a sette le lunghezze di distacco dalla capolista Valdichienti Ponte.

LA CRONACA – La Civitanovese sembra iniziare il match con il piglio giusto. Dopo soli due minuti di gioco viene annullato un gol a Ribichini, imbeccato da Rodriguez, per posizione di fuorigioco. L’Atletico Ascoli risponde con una conclusione di Santoni dal limite dell’area, che Testa controlla accomodarsi sul fondo. Di Silvestre al 7′ svetta sui difensori rossoblù, ma spedisce alto. Padroni di casa vicini al vantaggio al minuto 10: Coccia illumina la scena con una sventagliata raccolta da Mariani, che salta il diretto avversario e calcia verso la porta, Testa è attento e respinge. Gli ospiti provano a rendersi pericolosi con un paio di verticalizzazioni su Ribichini, pescato in entrambe le occasioni in off-side dall’assistente dell’arbitro Ubaldi. Al 22′ prova ad accendersi Giovannini, esterno alto dell’Atletico Ascoli, ma il suo diagonale termina largo di un paio di metri. I rossoblu rispondono andando vicini al gol due minuti dopo dapprima con un tiro di Miramontes, deviato a lato, e poi con un tentativo di Dutto sugli sviluppi di un corner, sventato con un po’ di fortuna dai difensori ascolani. Quando i padroni di casa partono dalle fasce laterali riescono sempre a rendersi pericolosi. Mariani salta Milanesi e la passa sul secondo palo, dove Iachini manca l’appuntamento con il pallone. Sul lato opposto non accade lo stesso al minuto 32: un cross dalla bandierina di Rodriguez trova la deviazione definitiva di Armellini, che supera Albertini e porta in vantaggio i suoi. Gli uomini di Filippini dimostrano di subire il colpo e non riescono a reagire nel finale della prima frazione, che scivola via sul risultato di 0-1.

Il parapiglia dopo la rete dell’1-1

L’Atletico Ascoli alza il proprio baricentro nel secondo tempo. Tuttavia, è la Civitanovese ad andare vicina al raddoppio. Miramontes colpisce al volo su suggerimento di Ferrari, ma manca la porta da ottima posizione. Filippini prova a correre ai ripari e inserisce un altro attaccante, De Marco, al posto di Iachini. Al 13′ i padroni di casa conquistano un calcio di rigore, contestato dagli ospiti, per atterramento in area di rigore di Gassama. Dal dischetto va il numero 5 Coccia, che spiazza Testa e ottiene il pareggio. La partita si accende con alcuni interventi fallosi, che il direttore di gara decide di sanzionare con il cartellino giallo. De Marco al 21′, a tu per tu con Testa, si fa ipnotizzare. Ma il gol è nell’aria e arriva sul corner conseguente: Sosi anticipa tutti sul secondo palo e con una zampata deposita il pallone in rete ed è il 2-1 per gli ascolani, che restano però in dieci uomini per espulsione di Gassama (doppia ammonizione) sul parapiglia accesosi dopo la rete. Nonostante l’inferiorità numerica, i padroni di casa per poco non sorprendono la retroguardia rossoblù una ripartenza orchestrata da Giovannini e Fabi Cannella. Al 31′ Civitanovese vicina al pareggio con una volée di Rodriguez, che si stampa sulla traversa. De Filippis spedisce in campo Federico e Salvati per aumentare la pericolosità offensiva. Al 40′ interessante punizione dal limite per i rossoblù: Rodriguez si incarica della battuta, ma Albertini compie una bellissima parata e devia in angolo. Quello compiuto un minuto dopo su colpo di testa di un giocatore rossoblù è, però, un vero e proprio miracolo. Gli ultimi tentativi disperati della Civitanovese non sortiscono gli effetti sperati. L’Atletico ottiene tre punti preziosi e gli uomini di De Filippis sprecano l’occasione di agganciare i playoff. Nel finale tensione tra i calciatori ospiti e i tifosi locali, a cui fa seguito qualche insulto di troppo sugli spalti restato però nei limiti, complice l’intervento delle forze dell’ordine presenti.

ATLETICO ASCOLI (4-3-3): Albertini; Tarli, Di Silvestre, Sosi, Fabi Cannella; Iachini (12’st De Marco), Coccia, Santoni; Mariani (35’st Funari), Gassama, Giovannini (41’st Castellana). A disposizione: Spinelli, Serafini, Gibbs, Mariani, Tedeschi, Filiaggi. Allenatiore: Filippini.

CIVITANOVESE (4-2-3-1): Testa; Armellini (35’st Federico), Dutto (35’st Salvati), Martins, Milanesi; Vecchiarello, Veccia (45’st Garcia); Rodriguez (44’st Falkenstein), Miramontes, Ferrari (18’st Galdenzi); Ribichini. A disposizione: Lorenzetti, Doda, Emiliozzi, Escobar. Allenatore: De Filippis.

Arbitro: Ubaldi di Fermo (Eleuteri e Ribera di Fermo).

Reti: 32’pt Armellini (C), 14’st Coccia (A), 23’st Sosi (A).

Note: espulso 24’st Gassama (A) per doppia ammonizione. Ammoniti: Giovannini (A), Santoni (A), Martins (C) e Salvati (C) per gioco falloso. Recupero 0′+0′.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X