facebook rss

Una giornata a “Tratturo zero”
per il Festival dell’Appennino

ROCCAFLUVIONE - Appuntamento il 7 aprile nella frazione di Gaico con la suggestiva escursione ad anello e, nel primo pomeriggio, con il concerto di Massimo Liberatori, cantautore e cantastorie romano
...

Dopo lo straordinario successo di domenica 31 marzo, con oltre 200 persone a percorrere la nuova bretella del Cammino Francescano della Marca che unisce Venarotta a Montedinove, torna il Festival dell’Appennino. L’appuntamento è per il 7 aprile dalle 9,15 a Gaico di Roccafluvione per una escursione ad anello che per tre ore farà scoprire il suggestivo territorio circostante.

L’itinerario ha un dislivello in salita di 461 metri e una lunghezza totale di 7,5 chilometri. E’ un percorso adatto anche a persone poco allenate ma sono obbligatori gli scarponi da trekking per poter godere a pieno del tracciato. La guida del Festival dell’Appennino ricorda che sono consigliati giacca impermeabile, indumenti di ricambio, borraccia, zaino media capacità e, per chi desidera, anche bastoncini per aiutarsi nel cammino.
Il percorso si concluderà intorno alle 12,30 con il ritorno a Gaico dove, a cura della comunità locale, sarà possibile pranzare al costo di 10 euro. Per il pranzo è necessaria la prenotazione al 335.6223577 entro e non oltre venerdì 5 aprile. Il menù realizzato dagli abitanti di Gaico prevede una pasta con verdure dell’orto ed una tradizionale  “pecola n’callara”.

Tutti in cammino

Alle 15 è previsto il concerto “Tratturo Zero – Canti Liberatori” di e con Massimo Liberatori. Cantautore, cantastorie romano e umbro d’adozione, Liberatori è appassionato alle storie popolari di qualunque territorio ed epoca che poi mette in scena in concerti originali con forti tematiche che attingono alla tradizione rurale. Vincitore di vari premi, ha inciso diversi lavori, tra i quali “Tratturo Zero”.
Il Festival dell’Appennino sta proseguendo con successo questa edizione inverno/primavera grazie alla consueta proposta che abbina arte, cultura e natura, in momento delicato dove l’entroterra colpito dal sisma ha enorme bisogno di appoggio. E’ organizzato dall’associazione culturale Appennino Up grazie al sostegno e al contributo del Mibact e della Regione Marche.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X