Quantcast
facebook rss

La “Sport Man” di Alessio Sundas
bussa alla porta di Fedeli:
«Voglio la Samb»

SERIE C - «Abbiamo deciso di  contattare il presidente Franco Fedeli per verificare se esistano le basi per l’avvio di una trattativa concernente sia l’acquisto della società, sia la realizzazione di un ampio progetto per la crescita economica e tecnica del club». Intanto il patron rossoblù conferma il diesse Fusco e pensa al futuro
...

Alessio Sundas

di Benedetto Marinangeli

Dopo gli ultimi contatti per la cessione della Samb, ora scende in campo anche La Sport Man, agenzia internazionale di procuratori sportivi che chiede a Fedeli un incontro per mettere a punto una trattativa in tal senso. Un comunicato stampa in cui traspare l’intenzione della società diretta da Alessio Sundas anche di poter collaborare sotto il profilo tecnico con il sodalizio del Riviera delle Palme

«Un club con 96 anni di storia ed una tifoseria appassionata come la Società Sportiva Sambenedettese –scrive in una nota Alessio Sundas titolare dell’ agenzia- merita palcoscenici prestigiosi ed un ritorno rapido nel campionato di Serie B dove ha partecipato 21 volte, tenendo alto il nome della propria regione. La Sport Man, alla luce  delle notizia di stampa che segnalano uno stallo nelle trattative per la  cessione del pacchetto di maggioranza della società, ha deciso di  contattare il presidente Franco Fedeli per verificare se esistano le basi per l’avvio di una trattativa concernente sia l’acquisto della  Società Sportiva Sambenedettese, sia la realizzazione di un ampio progetto per la crescita economica e tecnica del club».

Con queste parole l’agente Alessio Sundas, titolare dell’agenzia internazionale Sport Man Procuratori Sportivi, da anni noto nel mondo del calcio ha rivelato che alcuni imprenditori italiani avrebbero manifestato interesse verso la Samb.

«Il presidente Fedeli – prosegue Sundas – ha perfettamente ragione ad essere scettico. Ci sono in giro troppi personaggi che millantano titoli  e risorse che non possiedono, pronti prima alla vetrina e poi a dileguarsi al momento di mettere sul tavolo soldi e progetti per il rilancio delle società di calcio. I troppi fallimenti di prestigiosi club di Serie B e Serie C di questi anni confermano come il male del  calcio siano soprattutto quei dirigenti e quei faccendieri che lucrano sulla passione genuina dei tifosi. La Sport Man chiede un incontro al massimo dirigente della Società Sportiva Sambenedettese per presentare i nostri programmi e spiegare per conto di quali operatori economici stia  operando la nostra agenzia nel ruolo di mediatore».

«Sappiamo –aggiunge Sundas- che è una corsa contro il tempo, entro fine maggio si debbono rispettare i termini  tecnici per l’iscrizione al campionato della squadra ed avviare il piano di potenziamento tecnico per restituire alla città il palcoscenico della Serie B, obiettivo che si può raggiungere. Nel caso, infatti, che il presidente Fedeli decidesse di rimanere al timone della Società Sportiva  Sambenedettese – conclude Sundas – abbiamo pronto un vasto elenco di giocatori da proporre per l’imminente campagna acquisti. Attendiamo un segnale dai dirigenti rossoblù».

Un modo singolare quello di presentare l’intenzione di volere acquisire una società passando prima dagli organi di informazione. Ma anche questo tentativo è destinato a saltare. Infatti, ad oggi, l’intenzione di Franco Fedeli è quello di restare alla guida della Samb e di trovare un partner a San Benedetto che possa controllare da vicino tutto ciò che ruota intorno al club rossoblù.

Ed in tal senso si inquadra l’incontro con il diesse Pietro Fusco. A Pomezia le parti si sono incontrate con Fedeli che ha confermato il dirigente anche per la prossima stagione agonistica.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X