Quantcast
facebook rss

“Santini” raccolti in un album
come i calciatori della Panini

ASCOLI - Simpatica iniziativa alla vigilia della tornata elettorale. Dalla distribuzione selvaggia operata da quasi tutti i 732 candidati alla collezione improvvisata, il passo è stato breve. Un modo per stemperare il clima avvelenato degli ultimi giorni
...

di Andrea Ferretti

Un album della Panini per raccogliere i “santini” distribuiti a vollontà nelle ultime settimane dai candidati delle Amministrative di Ascoli? E’ possibile. Anzi, è realtà. Ovviamente quello della “Panini” è uno scherzo (è stato amichevolmente preso in prestito il logo della storica casa editrice che sforna album non solo dei calciatori), ma i faccioni dei candidati delle 25 liste in corso per un posto all’Arengo sono veri. Diverse le persone (in particolare alcuni locali pubblici) che hanno pensato di raccoglierli in un album. Tra questi, dopo il successo di cinque anni fa in occasione dell’ultima tornata elettorale cittadina, alcuni residenti della zona di piazza San Tommaso, nel cuore della città, luogo conosciuto anche come “Lu Spiazz d’Ventura”. Nell’album di “santini” ce ne sono circa 500. Ovvero quasi tutti, considerando che i candidati sono 732 e non tutti hanno optato per il… cartaceo, limitandosi a diffonderli sul web attraverso i vari social.

L’idea è simpatica e anche utile per stemperare il clima avvelenato che si è creato nelle ultime ore della campagna elettorale, sfociato prima nei battibecchi avvenuti al cinema Piceno in occasione de “La città che verrà” (il faccia a faccia fra i sette candidati sindaco e una platea record di circa 500 persone, organizzato da Cronache Picene e Radio Ascoli) e poi nell’aggressione subìta dal candidato Claudio Travanti da parte – secondo la sua denuncia presentata ai Carabinieri di Ascoli dopo i venti giorni di prognosi al Pronto Soccorso dell’ospedale – da parte di un altro candidato, per fortuna (almeno questo) non della sua lista.

L’album elettorale “Amministrative Ascoli 2019” è stato già preso d’assalto da curiosi, e anche qualche diretto interessato, al Pub Casanova di corso Mazzini 40 (zona Porta Romana) dove è stato esposto in coincidenza con la chiusura della campagna elettorale. Ovvero a ridosso della… quiete che anticipa la tempesta di domenica 26 maggio (il giorno del voto) e soprattutto di lunedì 27 maggio (il giorno dello spoglio). Ancora poche ore, infatti, e Ascoli saprà chi saranno i due dei sette sfidanti che si daranno battaglia fino al ballottaggio di domenica 9 giugno dopo altre due settimane di incontri, accordi, diverbi e apparentamenti vari.

Da martedì sapremo anche chi sarà colui che al Carnevale 2020 consegnerà simbolicamente le chiavi della città per una settimana a “Re Paolo Angelini”. E anche a chi dovrà essere adattato il costume di Magnifico Messere della Quintana indossato per venti volte consecutive da Guido Castelli. Un ruolo, quello di Magnifico Messere che, come avvenuto in passato, manderà in soffitta le brochure della rievocazione storica dove compare il sindaco Castelli versione Magnifico Messere. Brochure che, come avvenuto in passato, ricomparirà in una nuova veste grafica che di nuovo avrà però solo il faccione del nuovo primo cittadino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X