Quantcast
facebook rss

“La fatica di crescere”,
la lectio magistralis di Andreoli

SAN BENEDETTO - L’evento si terrà il 14 giugno al PalaRiviera. Riflessione sul periodo adolescenziale con attenzione sulle parole chiave che possono aiutare il dialogo tra i giovani e con i giovani. Organizzazione di Ama Aquilone
...

di Benedetto Marinangeli 

E’ stata presentata nell’aula magna del liceo scientifico Rosetti la lectio magistralis che lo psichiatra Vittorino Andreoli terrà venerdì prossimo 14 giugno alle 9 al PalaRiviera. “La fatica di crescere”, questo il titolo, rifletterà sul periodo adolescenziale ponendo l’attenzione sulle parole chiave che possono aiutare il dialogo tra i giovani e con i giovani. «Perché -come scrive Andreoli- l’adolescenza è una vita che viene condivisa e chi la sta affrontando, al di là di una morale rigida, deve essere capito e aiutato nella fatica di crescere».

Vittorino Andreoli

Un appuntamento aperto al pubblico che si rivolge non solo alle figure professionali socio-sanitarie di tutela e presa in carico dei minori ma anche a famiglie ed insegnanti. L’evento è organizzato dalla Cooperativa Sociale Ama Aquilone nell’ambito del progetto “Le crisalidi”, un servizio a sostegno dei minori con problematiche di uso ed abuso di sostanze psicotrope e delle loro famiglie.
«La loro presa in carico -spiega Francesco Cicchi, presidente di Ama Aquilone- avviene a seguito di segnalazione da parte del Servizio Territoriale per le Dipendenze Patologiche, Consultori Familiari, Neuropsichiatria Infantile, Servizi Sociali per minorenni, le famiglie portatrici del problema. Un servizio che offriamo da qualche anno. La lectio magistralis di Andreoli segue quella tenutasi a novembre con Gustavo Pietro Polli Charmet. Stiamo parlando di un gigante della psichiatria che ci onoriamo di avere a San Benedetto grazie a Mimmo Minuto e all’associazione “I Luoghi della Scrittura”. Un ringraziamento va alla dirigente del liceo scientifico Stefania Marini per la collaborazione che ci offre in diverse nostre attività. Una mattinata cui sono invitate tutti gli studenti delle scuole sambenedettesi».

Carla Capriotti, Francesco Cicchi e Stefania Marini

«L’ Ama Aquilone -afferma la Marini– ci ha sempre considerato partner privilegiati per queste iniziative che rappresentano un valore aggiunto per il nostro territorio. La presenza a San Benedetto di Vittorino Andreoli è una splendida occasione per toccare tematiche di rilievo per la scuola ma soprattutto per le famiglie. Il problema dell’ adolescenza è molto sentito. Spesso parlo con i miei studenti ed ho rilevato una scarsa conoscenza di se stessi. Hanno difficoltà a comunicare e spesso noi adulti facciamo fatica a comprendere le loro problematiche nella fase di crescita. Addirittura ci sono ragazzi che avvicinandosi la data dell’ esame di maturità, non vogliono sostenerli perché non ce la fanno a livello emotivo E quindi è fondamentale dialogare con loro per cercare di superare insieme tutte queste difficoltà di relazione».
«Sul portale dell’ Ama Aquilone -dice Carla Capriotti, coordinatrice del progetto “Le crisalidi”- la notizia dell’arrivodi Andreoli ha avuto già oltre 16.000 visualizzazioni. Ci attendiamo quindi una buona risposta da parte di giovani, professori e familiari. Con “Le crisalidi” ci occupiamo delle fragilità dei ragazzi e del disagio giovanile. E con questa prima convention diamo il via agli incontri dedicati all’ adolescenza, alla fatica di crescere ed alla genitorialità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X