Quantcast
facebook rss

Samb: il ritiro si farà a Cascia,
tra i convocati anche il centrale Biondi

SERIE C - Intanto è battaglia tra la Lega Pro e il Governo. Il presidente Ghirelli alza le barricate dopo il no dell' esecutivo sulla defiscalizzazione per le società. «Da oggi siamo in stato di agitazione, non so se il campionato inizierà»
...

di Benedetto Marinangeli

Sarà Cascia ad ospitare la Samb per il ritiro precampionato. I rossoblù di Paolo Montero usufruiranno delle strutture di proprietà del presidente Franco Fedeli, con il tecnico uruguagio che nella tranquillità delle colline umbre potrà studiare i calciatori a sua disposizione. Dovrebbero essere una ventina i calciatori convocati.

Giacomo Biondi

Tra loro ci sarà anche il difensore Giacomo Biondi che ha il contratto in scadenza nel giugno 2020. La difesa, quindi è al completo. Come centrali è a posto con Miceli, Biondi, Zaffagnini e Di Pasquale che all’ occorrenza può giocare anche come terzino sinistro. Sulla corsia destra ecco Rapisarda e Gemignani mentre è libero l’out mancino. Ed è lì che il diesse Pietro Fusco dovrà lavorare per portare in rossoblù l’uomo con le caratteristiche tecniche richieste da Montero.

Il nuovo tecnico rivierasco dovrebbe schierare la sua Samb con il 4-3-3 o il 3-4-3 e, dai primi video, è rimasto favorevolmente impressionato dal dinamismo di Luca Gelonese che da due anni rappresenta uno dei punti di forza del centrocampo rossoblù. Non è stata ancora fissata la data della partenza per Cascia, ma orientativamente dovrebbe avvenire tra l’ 8 ed il 15 luglio. A Cascia ci sarà anche l’Ascoli dal 14 al 26 luglio.

LEGA PRO IN AGITAZIONE – Intanto La Lega Pro lancia un grido d’allarme in vista della prossima stagione e lo fa il presidente Francesco Ghirelli. L’argomento è quello della defiscalizzazione, che era stata richiesta dalla Lega al Governo. «In questi mesi – dice Ghirelli – abbiamo lavorato assieme al Governo, in silenzio e con rispetto, affinché fosse inserito nel decreto crescita un provvedimento a favore del calcio dei Comuni d’Italia. La defiscalizzazione, che chiediamo per i club di Serie C, serve per creare strutture, formazione, presidio territoriale per i giovani. Non un euro nelle tasche, ma investimenti che produrranno interventi in infrastrutture che attireranno capitali (a partire da quelli dei proprietari dei club) e questo consentirà ai club di innovare, creando luoghi per la formazione di giovani calciatori, quindi dare opportunità per l’avvio di una politica economico-finanziaria virtuosa che consenta di patrimonializzare. Evidenzio – aggiunge Ghirelli – come le risorse che il fisco darà all’inizio serviranno a mettere in moto un volano di investimenti che poi torneranno al fisco stesso al termine o durante l’investimento. La risposta non c’è. Sembra non importare nulla a nessuno al Governo. Ne prendo atto: 300.000 tifosi nei playoff, la rivoluzione nelle norme d’iscrizione, gli interventi di adeguamento negli stadi; via i banditi dalle proprietà; investimenti per i giovani; interventi per togliere i ragazzi dalle strade. Non interessa sostenere questo? Da oggi – conclude il presidente della Lega Pro – siamo in stato di agitazione. Nella prossima assemblea dei presidenti se ne discuterà: non so se il campionato inizierà».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X