Quantcast
facebook rss

Ascoli, preso il baby Djermanovic
Le prime operazioni
non convincono

SERIE B - Il mercato bianconero. Il 18enne attaccante tedesco, dopo Petrucci e Piccinocchi. Per costruire una squadra competitiva non si devono ripetere gli errori del passato
...

di Bruno Ferretti

L’Ascoli continua ad operare sul mercato puntando su giocatori di basso profilo, con la speranza di vincere qualche scommessa. Dopo i centrocampisti Davide Petrucci (proveniente dal campionato turco) e Mario Piccinocchi (ultime tre stagioni in Svizzera a Lugano), due incognite, ecco Jovan Djermanovic, attaccante di 18 anni che ha giocato in Germania nella squadra giovanile dello Stoccarda.

Jovan Djermanovic

Nato a Hechingen il 21 febbraio 2001, Djermanovic ha doppio passaporto perché la famiglia è di origine serba. Sarà convocato per il ritiro precampionato a Cascia dove mister Zanetti potrà valutarlo. Al termine della preparazione si deciderà se resterà in prima squadra o sarà aggregato alla squadra Primavera.

Per attrezzare una squadra competitiva e in grado di puntare al traguardo indicato dal patron Pulcinelli (playoff) e di soddisfare le giuste attese dei tifosi, l’Ascoli dovrà rinforzarsi adeguatamente. Non c’è alcun dubbio. I primi movimenti di mercato non convicono, ma c’è ancora tanto tempo. Occorre augurarsi che il ds Tesoro se ne renda conto e non ripeta gli errori dello scorso anno (Ingrosso, Perucchini, Zebli, Valeau, Coly, Ngombo, Milinkovic-Savic e qualche altro). All’Ascoli servono giocatori validi, di provata esperienza, possibilmente che conoscano la Serie B e siano in grado di elevare il livello tecnico della squadra. Le incognite sono un rischio: possono portare buoni frutti ma anche brutte sorprese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X