Quantcast
facebook rss

“In Italiano, please!”
Alla Rinascita il libro di Cerase

ASCOLI - Presentazione-dibattito sull'abuso della terminologia inglese nella nostra lingua fissata per venerdì 21 giugno. Oltre all'autore, ci saranno Irene Manzi, membro della Commissione cultura della Camera, il professor Antonio D’Isidoro e Gaetano Rinaldi di Italia Nostra
...

Quali lingue per il progresso culturale del paese? E’ questo il titolo del dibattito che si terrà venerdì 21 giugno alle 17,30 presso la libreria Rinascita, alla presenza di Marco Cerase, autore del libro In Italiano, please! (Istigazione all’uso della nostra lingua all’università). Parteciperanno al tavolo anche Irene Manzi, già deputata, membro della Commissione cultura della Camera, Antonio D’Isidoro, professore ordinario di letteratura italiana all’Università di Macerata e Gaetano Rinaldi, presidente di Italia Nostra – sezione di Ascoli.

La copertina del libro

Il libro di Cerase è una riflessione franca che senza ammiccare a provincialismi o a un anacronistico sovranismo linguistico, si propone una lettura critica del nostro costume politico, scientifico e culturale in fatto di modi espressivi e lessicali, partendo dalla disputa giuridica sulla centralità dell’italiano, che ha avuto echi anche in recenti sentenze della Corte costituzionale.
E’ normale che nelle università italiane si studi Il Principe di Machiavelli in inglese? E che le nostre leggi siano piene di espressioni inglesi che sono perfettamente traducibili in italiano (da flat tax a patent box a italian sounding, per esempio)? E che il Politecnico di Milano escluda la nostra lingua da tutti corsi magistrali? Cerase pensa di no e lo racconta nel volume, già presentato a Roma e Milano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X