Quantcast
facebook rss

Zanetti: «Quando ho sentito Ascoli
un fuoco si è acceso dentro di me»
Rifiutati 3 milioni per Ninkovic

SERIE B - Presentato al “Casale” di Colli del Tronto il nuovo allenatore bianconero. «Non faccio promesse, ma sarà una squadra all’altezza delle attese. La pressione non mi spaventa. Sappiamo quale è l’obiettivo». Al suo fianco il patron Pulcinelli, il presidente Tosti, il dg Lovato, l'ad Leo, il club manager Lillo, il responsabile del settore giovanile Di Mascio, il team manager Evangelista, la responsabile del marketing Galanti, Roberta Pulcinelli. E anche il sindaco Fioravanti ("per lo stadio faremo un tavolo tecnico"). Il ds Tesoro e il mercato: «Per Ganz c’è un interesse del Pordenone». Amichevoli precampionato con dilettanti, Foligno, Spezia e Palermo
...

Da sinistra: il presidente Giuliano Tosti, l’allenatore Paolo Zanetti, il patron Massimo Pulcinelli, il ds Antonio Tesoro

di Bruno Ferretti

(foto Edo)

Paolo Zanetti, nuovo allenatore dell’Ascoli, è stato presentato con tutti gli onori nella sala assemblee dell’hotel Casale a Colli del Tronto. Accanto a lui il patron Massimo Pulcinelli, il presidente Giuliano Tosti e il direttore sportivo Antonio Tesoro, ai quali si è aggiunto anche il sindaco Marco Fioravanti, giunto in leggero ritardo. Fra la piccola folla di giornalisti anche il direttore generale Gianni Lovato, l’amministratore delegato Andrea Leo, il club manager Francesco Lillo, il team manager Mirko Evangelista, il responsabile del settore giovanile Cetteo Di Mascio, la responsabile del marketing Susi Galanti, Roberta Pulcinelli (sorella di Massimo) e tutti glio ospiti della convention della “Bricofer”. E’ stata la responsabile della comunicazione, Valeria Lolli, a presentare il nuovo trainer prima del fuoco di domande cui è stato sottoposto.

«Rivolgo un caloroso saluto al nuovo mister e sono sicuro che farà molto bene per l’Ascoli» ha esordito Pulcinelli, al quale si è unito Tosti avanzando un beneaugurante parallelo: «Abbiamo scelto un allenatore giovane, preparato, motivato, con tanta voglia di far bene. Proprio come accadde nel 1968 quando la guida tecnica dell’allora Del Duca Ascoli fu affidata da Costantino Rozzi a un giovane Carlo Mazzone, e sappiamo come sono andate le cose. Una bella eredità per Zanetti, al quale auguriamo di ripercorrere quella strada con il sostegno di tutti i tifosi e dell’intera città che saranno sempre al fianco della squadra».

ZANETTI ASSAI MOTIVATO – «Per me è un gradito ritorno ad Ascoli. Direi anche sentimentale. Ho accettato molto volentieri. Appena ho sentito la parola Ascoli, dentro di me si è acceso un fuoco. E non ho esitato ad accettare la proposta. Ringrazio la proprietà e il direttore sportivo per avermi scelto. Per me Ascoli è una grande opportunità professionale. Arrivo con forti motivazioni. Quando andai via, dopo quel campionato sfortunato, ero un ragazzo. Pensavo che un giorno sarei tornato. Non sapevo e come e perché. Quel pensiero si è concretizzato ed eccomi di nuovo qui pronto a dare tutto me stesso per la causa bianconera». E ancora: «Conosco la piazza di Ascoli, la passione dei tifosi, la spinta che sanno dare alla squadra. So che intorno alla squadra c’è sempre grande attesa ma questo non mi spaventa: per me è una componente positiva, un’arma in più su cui poter contare. Ho guardato i video di tutte le partite dell’Ascoli nel passato campionato e mi sono fatto un’idea della squadra e delle sue caratteristiche. Secondo me ha fatto bene perché salvarsi con diverse giornate di anticipo non è mai facile in serie B. Conosco tutti i giocatori e durante il precampionato conoscerò anche quelli che tornano dai prestiti. Bisogna conoscere gli uomini e allenarli – la sua conclusione – non basta guardare i video. In questo momento non credo sia intelligente fare promesse, dico solo che avremo una squadra di spessore, sempre motivata, attrezzata per puntare agli obiettivi posti dalla società. Cosa mi ha chiesto la dirigenza? Di portare nella squadra una mentalità vincente».

IL DS TESORO AL MERCATO – «Petrucci e Piccinocchi sono due giocatori che ci interessano e li stiamo trattando, ma ancora nulla è definito. Ciciretti? E’ rientrato al Napoli per fine prestito. Ha un ingaggio molto elevato che non è alla portata dell’Ascoli. Di Addae non ho più avuto notizie: era a fine contratto e quindi svincolato. La Juve Stabia tempo fa ci ha inviato un fax comunicando che lo stavano trattando. Credo che lo abbiano tesserato, ma forse per ufficializzarlo aspettano il primo luglio, l’inizio della nuova stagione e del calciomercato». Poi aggiunge: «Il difensore Buongiorno del Torino? E’ un mancino, e noi abbiamo già Quaranta. Per Ganz c’è un interessamento del Pordenone, ma per il momento niente più. Ninkovic potrà essere ceduto solo se riceveremo per lui una proposta economica irrinunciabile». Sul futuro del talentuoso serbo è intervenuto anche Pulcinelli: «Per Ninkovic è arrivata un’offerta di 3 milioni di euro che abbiamo respinto. Per noi vale almeno 5 milioni. Per una cifra inferiore non lascerà l’Ascoli anche perchè il ragazzo si trova bene e non mostra l’intenzione di andare via».

IL SINDACO E LA NUOVA SUD – «Sono un grande sostenitore dell’Ascoli e condivido l’operato della nuova proprietà e della dirigenza – ha detto il sindaco Marco Fioravanti – per lo stadio cercheremo di trovare soluzioni condivise. E’ nelle intenzioni del Comune smantellare la curva sud m per valutare bene i costi e il finanziamento che mobile per passare poi alla ricostruzione di quella originaria, che è sempre stata la casa dei tifosi. Dovremo allestire un tavolo tecnico per valutare i costi da sostenere e l’entità del finanziamento legato ai danni del terremoto». Sullo stadio è intervenuto il presidente Tosti: «I tempi di realizzazione sono più lunghi rispetto alle prime previsioni. Ci sono non pochi problemi burocratici da risolvere, ma c’è anche la comune volontà di velocizzare il più possibile i lavori. Faremo il possibile per ricostruire la curva sud andando incontro alle attese della tifoseria».

AMICHEVOLI PRECAMPIONATO – L’Ascoli effettuerà il ritiro precampionato a Cascia (14-26 luglio). Questo il programma ufficioso delle amichevoli in attesa di conoscere le date della Coppa Italia che dovrebbe iniziare l’11 agosto: il 19 luglio Ascoli-squadra dilettanti a Foligno, il 23 luglio Foligno-Ascoli, il 27 luglio Ascoli-Spezia a Sarnano, il 3 o 4 agosto Ascoli-Palermo al “Del Duca”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X