facebook rss

Lo Sbarco di Papa Alessandro III:
ecco la sfilata per rivivere la storia

GROTTAMMARE - Sabato 6 e domenica 7 luglio la rievocazione dell’evento del 1177 che ha dato origine alla Sacra. Piergallini: «Tiene viva l'attenzione in previsione dell'appuntamento del 2029»

Una suggestiva immagine dello Sbarco

Tra baleni di luce e fuochi di artificio a simboleggiare la tempesta, Papa Alessandro III approderà sabato prossimo, 6 luglio, sulla spiaggia di piazza Kursasal. Scortato da templari e affiancato da cardinali, attraverserà la Città per assistere ai festeggiamenti organizzati dal popolo di Grottammare in segno di accoglienza.

Con qualche novità sabato 6 e domenica 7 luglio andrà in scena l’edizione 2019 dello Sbarco di Papa Alessandro III, evento fondante della Sacra di Grottammare, datato intorno al 1177: un centinaio di figuranti accoglierà sulla spiaggia Kursaal il pontefice (interpretato da Guido Citeroni), che quest’anno sarà condotto nella sede dei festeggiamenti (piazzale Stazione) su una portantina papale, appositamente realizzata per l’occasione dai volontari dell’associazione Presepe Vivente Grottammare, che da sempre collaborano alla riuscita della manifestazione.

La manifestazione prevede spettacolo pirotecnico nell’attesa dello sbarco, sfilata  in abiti d’epoca per le vie del centro (sabato 6, dalle ore 21,30). Il percorso: piazza Kursaal, lungomare della Repubblica, Corso Mazzini, piazza Fazzini, via Matteotti, via Laureati, via Crucioli, piazzale Stazione), intrattenimento a tema e stand gastronomici (sabato 6 e domenica 7, dalle ore 18.30). L’organizzazione generale dell’evento è dell’assessorato alla Cultura, in collaborazione con la consigliera Martina Sciarroni e Clarita Baldoni ed Elisabetta Ottaviani per il corteo. A cura del comitato di quartiere Stazione l’allestimento degli stands gastronomici del “Ristoro papale”. Lo Sbarco di papa Alessandro III è l’appuntamento annuale che accompagna lo scorrere del tempo tra una rievocazione della Sacra (la più importante festa religiosa e civile di Grottammare) e l’altra. La manifestazione, infatti, si tiene nella sua versione integrale solo negli anni in cui il 1° di luglio cade di domenica, evento che avviene secondo un ciclo di  sei, cinque, sei e undici anni.

Rappresenta il  ricordo popolare dell’approdo di fortuna di Papa Alessandro III nell’antico porto di Grottammare, nel 1177, quando nell’Adriatico imperversava la lotta tra il Papato e l’impero di Federico Barbarossa. La tradizione dice che il Pontefice, ringraziando il popolo per la calorosa accoglienza, abbia concesso in perpetuum il privilegio dell’indulgenza plenaria, confermato da una bolla papale del 1973.

La prossima Sacra si celebrerà nel 2029: «E’ iniziato il lungo periodo di 11 anni che, vista la durata, rischierebbe di far dimenticare l’evento alle nuove generazioni – dichiara il sindaco Enrico Piergallini – nei prossimi anni, dunque, la rievocazione dello Sbarco avrà il compito di tenere desta l’attenzione sulla Sacra e di recuperare l’attesa del ritorno sul calendario della domenica 1° luglio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X