facebook rss

440 nuove abitazioni
I consiglieri di maggioranza
ci rendono tutti più poveri

SAN BENEDETTO - L’Amministrazione Piunti ha proposto una variante al Prg per far realizzare nuove abitazioni, ma così facendo - se i consiglieri di maggioranza lo permetteranno - chi ha già casa sarà ancora più povero poiché i dati Istat parlano della loro perdita di valore per oltre il 23% dal 2010 a oggi. Forse rendere ricchi i costruttori e più poveri i cittadini che hanno casa è l’obiettivo di Piunti &Co. Ma se i consiglieri voteranno la variante a perdere ancor più valore saranno anche le loro case, quelle dei loro parenti e dei loro elettori
di Epifanio Pierantozzi
Nulla da dire. Sul fatto che il “fiuto” dei nostri amministratori sia più sensibile dei dati Istat non ci sono dubbi. Infatti, ben prima che lo scorso 2 luglio l’Istat comunicasse i dati sui prezzi delle abitazioni – un bel 23,7% in meno nel 2018 rispetto ai dati del 2010, per la case già esistenti -, ecco che da qualche mese la Giunta Piunti aveva annunciato una variante al PRG ammettendo così la costruzione di 440 abitazioni nuove, più negozi.
IL NUOVO CHE SVALUTA IL VECCHIO – Si parlava di “fiuto” perché, sempre i dati Istat di inizio luglio, riferivano come le abitazioni nuove, nel 2018 rispetto al 2010, costavano un più 0,8%. Una inezia, ma a fronte di un meno 23,7% di quelle esistenti fanno una differenza del 24,5%, ovvero un quarto in più.
Insomma, da buoni amministratori quelli della Giunta Piunti avevano già capito come non convenisse affatto puntare sull’usato, bensì era conveniente aprire le porte, o meglio il PRG, al mattone e cemento nuovo. 
BUCALOSSI DA SPENDERE – Però quello che preoccupa non sono le intenzioni e le velleità di far aprire i cantieri tra le palme – da amministratori sanno che nelle casse comunali affluiscono poi gli introiti della Bucalossi e si ha entrate maggiori da spendere – da parte di Piunti e Assenti, bensì il masochismo dei consiglieri di maggioranza che plaudono a questi progetti, senza aver neanche fatto “i conti della serva”. Infatti, se i consiglieri di maggioranza (non teniamo in considerazione quelli di una opposizione silente e prona poiché le loro proteste, quasi sempre, nascondono il desiderio di poter controllare il PRG, non certo bloccare la colata di cemento) si fossero fatti due conti in tasca o avessero chiesto a genitori, parenti, amici o elettori, avrebbero capito come 440 appartamenti nuovi in città farebbero solo far perdere valore alle abitazioni esistenti, cioè quelle di loro proprietà, e arricchito solo i costruttori. 
MATTONE IN PERDITA – Infatti, scrive l’Istat, solo le nuove costruzioni hanno tenuto sul fronte dei prezzi, mentre quelle “ante” 2010 o costruite già da qualche anno, hanno visto il loro valore calare di un quarto. Altro che “mattone bene rifugio”, con la domanda che ristagna, con tanti negozi e abitazioni sfitti, qui siamo a “casa tua è un pessimo investimento”. 
Tutto questo, chiaramente, sfugge alla comprensione di consiglieri di maggioranza abbagliati dalla possibilità di dire: “visto, qualche cosa abbiamo fatto anche noi”. Sì, danni a se stessi (se hanno casa) e tutti quelli che si ritrovano con abitazioni e negozi che valgono circa un 25% in meno rispetto al 2010. Invece di consumare suolo e far arricchire proprietari di aree e costruttori (e non vogliamo essere andreottiani), perché i consiglieri di maggioranza non promuovono  il recupero di quelle case già esistenti, magari con incentivi per una migliore classe energetica o impianti di fotovoltaico o solare termico?
POCO TERRITORIO, MA APPETITO – A proposito di suolo, ecco qualche numero per consiglieri che sicuramente li ignorano o, peggio, fanno finta di non conoscerli. Il territorio comunale di San Benedetto del Tronto, zona Sentina compresa, è di appena 25 chilometri quadrati, con una densità di oltre 1862 abitanti a kmq, senza tener conto dei residenti estivi. Infine chiediamo, sempre ai consiglieri di maggioranza, se la loro amministrazione ha mai fatto conoscere quante abitazioni e quanti negozi sono sfitti in città. Sono, questi, dati essenziali per programmare il futuro di un paese, sperando che il futuro interessi a questi consiglieri, e non solo un miope e sconosciuto presente. 
ECCO I NUMERI DEL COMUNE – Infine ricordiamo i numeri presentati dalla Giunta Piunti il 14 maggio scorso: ben 440 appartamenti per 35.000 metri quadrati di residenziale e 105.000 metri cubi di volume, per oltre 8 milioni di Bucalossi nelle casse comunali. Il tutto in sette varianti presentate da privati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X