facebook rss

Sottrazione di una minorenne,
barista condannato a 10 mesi

MACERATA - Un 45enne era imputato davanti al gup del tribunale. Assolto dall'accusa di violenza sessuale. La ragazza, originaria dell'Ascolano, all'epoca dei fatti aveva 17 anni

 

Incontra una ragazzina che stava svolgendo un apprendistato nel locale in cui lavorava, barista condannato a 10 mesi per sottrazione consensuale di minore, assolto dall’accusa di violenza sessuale. Imputato davanti al gup Giovanni Manzoni del tribunale di Macerata un uomo di 45 anni che all’epoca faceva il barista in un locale di un comune vicino alla costa.

L’avvocato Valeria Attili

I fatti che gli venivano contestati risalgono all’aprile del 2017. Nel bar dove l’uomo lavorava, secondo quanto sostiene l’accusa, era andata a lavorare una ragazzina di 17 anni, originaria dell’Ascolano, per fare un periodo di apprendistato. Tra il 45enne e la 17enne sarebbe nata una relazione e l’uomo avrebbe anche avuto dei rapporti sessuali con la minore. A scoprire quello che stava accadendo erano stati i genitori della ragazzina che poi avevano presentato denuncia. All’uomo veniva contestato sia di aver avuto rapporti sessuali con la ragazzina, approfittando della sua minore età (da qui l’accusa di violenza sessuale), sia la sottrazione consensuale di minorenne. Il gup ha assolto l’imputato (difeso dagli avvocati Valeria Attili e Mauro Micchettoni) dall’accusa di violenza sessuale mentre lo ha condannato a 10 mesi per la sottrazione di minore. Il pm aveva chiesto la condanna a un anno e sei mesi.

Gian. Gin.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X