facebook rss

L’incontro tra visibile e invisibile
nelle opere di Chiarelli

ASCOLI - La mostra dell'artista originario di Arquata, scomparso lo scorso anno, sarà alla libreria Rinascita fino al prossimo 11 agosto

Da oggi lunedì 22 luglio fino al prossimo 11 agosto si terrà la mostra “Quando l’invisibile e il visibile si fondono” di Giuseppe Chiarelli, allestita presso la sala conferenze della libreria Rinascita. L’artista di Arquata, classe 1950, è scomparso esattamente un anno fa ma vive attraverso le sue tele, anche se in origine la ua predilezione era per il disegno.

Un’opera di Chiarelli

In oltre quarant’anni di attività ha realizzato opere realizzate con diverse tecniche: acquerelli, dipinti ad olio, affreschi e opere in ceramica. A caratterizzare la sua arte sono sia i tramonti (quando l’invisibile e il visibile si fondono, appunto) sia le rocche e i castelli, quali simboli dell’indissolubile legame alla sua terra nativa. Non già presenze minacciose  ma luoghi magici, in cui la luna veglia incantesimi tessuti da Sibille e fate. L’intera sua opera costituisce un vero e proprio cammino spirituale che trova il suo apice nella figura del Cristo, estratto da un pezzo di legno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X