facebook rss

Quintana, la “Festa del Palio”
e l’onomastico di Melosso

ASCOLI - Centinaia di persone nel giardino della sede del Sestiere di Porta Romana nella notte delle stelle: da una parte quelle cadenti della notte del 10 agosto, dall’altra quella del giovanissimo vincitore della novantesima Giostra

Lorenzo Melosso alla “Festa del Palio” davanti al drappo conquistato e al gonfalone di Porta Romana

Come in una fiaba, Lorenzo Melosso ha festeggiato il Palio vinto per Porta Romana nella notte del suo onomastico. Quella di San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti. Che, stavolta, si sono però “scontrate” con la stella nascente della Quintana, il 18enne che ha vinto la sua prima Giostra al secondo tentativo con un punteggio quasi record di 2.020 punti. Un numero quest’ultimo che, togliendo lo zero, è anche un arrivederci al prossimo anno, quando al Campo dei Giochi tutti guarderanno Melosso junior con immutata simpatia ma con un occhio diverso.

Stella emergente e stelle cadenti per qualche ora si sono fuse insieme nel giardino della sede di Porta Romana dove il Sestiere aveva attrezzato la “Festa del Palio” per il 17° drappo conquistato alla Giostra numero 90 della Quintana. Se i chili di pasta servita la sera della vittoria sfiorò il quintale, stavolta – complice anche la “Notte Bianca” di Ascoli – sono stati sessanta, più porchetta, vino e birra a volontà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X