facebook rss

Ecco le stelle Kostabi e Faini
Il pittore americano espone
e suona il pianoforte

ASCOLI - Doppio appuntamento il 6 e 7 settembre. Dardust in Piazza del Popolo con ingresso gratuito. Kostabi, che si trova in vacanza a Sant'Omero (Teramo), è l'autore dell'umanoide esposto nell'isola pedonale di San Benedetto

Dario “Dardust” Faini (Foto Vagnoni)

di Franco De Marco

Mark Kostabi, il famoso pittore e compositore americano, sarà il protagonista, sabato 7 settembre, nel foyer del Teatro Ventidio Basso di Ascoli, di una esposizione di suoi quadri e di un concerto in suo onore. E’ la novità di questa fine estate in città che il giorno prima, venerdì 6 settembre, vedrà in Piazza del Popolo, inizio alle 21,30, ingresso gratuito, il ritorno nella sua città di Dario Faini – Dardust – in un concerto evento per la gioia di tanti giovani. Due appuntamenti destinati a target differenti ma entrambi di sicuro interesse decisi dalla giunta comunale, tornata a riunirsi dopo una breve sosta ferragostana, per vivacizzare la fine dell’estate ascolana.

Mark Kostabi è un personaggio di primo piano a livello internazionale. Un artista a 360 gradi. In questo periodo si trova in soggiorno all’albergo-risotrante Villa Corallo di Sant’Omero (Teramo). L’artista americano ha scelto di trascorrere una vacanza nella tranquilla località abruzzese accanto ad alcuni suoi amici. L’occasione della sua presenza a Sant’Omero è stata colta al volo dal Comune di Ascoli che gli ha aperto le porte del teatro Ventidio Basso per una serata speciale in suo onore. Mark Kostabi non è solo un pittore ma è anche un bravo pianista e compositore. A Villa Corallo ha un pianoforte a sua completa disposizione dove trascorre ore ed ore. Ha realizzato quasi duecento mostre in tutto il mondo.

Mark Kostabi

Le sue opere sono presenti nelle collezioni permanenti del Museum of Modern Art, Metropolitan Museum, Brooklin Museum, Corcoran Gallery of Art, museo di Groningen in Olanda, eccetera. E’ un artista da tempo legato al Piceno. Una sua scultura, infatti, che ha fatto anche discutere molto, è presente nell’isola pedonale di San Benedetto. Si intitola “To See Through is Not to See Into” (Guardare attraverso non è come guardare dentro).  Mark Kostabi dipinge figure senza volto, senza tempo, che possono essere tutti noi e nessuno di noi. Esprimono la paura dell’uomo nella società. Ha disegnato anche cpertine di dischi, orologi per la Swatch, accessori per computer e pubblicato diversi libri e prodotto un suo show televisivo. L’umanoide con la finestra aperta sul cuore, realizzato per San Benedetto, è il simbolo di un’umanità che rischia l’omologazione.

Il titolo del concerto, per piano solo, di Dario Faini  è “Lost in space” con suggestiva scenografia dell’ascolano Pietro Cardarelli. Un concerto tutto made in Ap. Dardust farà un viaggio sia nelle vecchie produzioni sia in quella nuova in uscita in autunno. Per i fan di Dario Faini, ascolano purosangue, si mobiliteranno migliaia di giovani. “Dardust”, nuova stella della musica italiana, sta vivendo un periodo felicissimo. Ha prodotto l’album di “The Giornalisti Love” e firmato, tra l’altro, “Soldi” per Mahmood, e “Nuova Era” per Jovanotti. Il concerto vedrà anche una cover di Lucio Battisti. La ournèe di Faini, iniziata a maggio, terminerà il 6 ottobre a Roma nell’Auditorium Parco della Musica.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X