facebook rss

Il sindaco Marco Fioravanti:
«Questo Ascoli mi piace
Playoff? Non poniamoci limiti
Andrò in curva con gli amici»

ASCOLI - Primo cittadino e tifoso bianconero: «Vado allo stadio da quando avevo 6 anni. Spero di trovare il tempo per fare anche qualche trasferta. Mi piace molto Gerbo. Scamacca? Un giocatore che ha mezzi enormi. Lo stadio Del Duca? Ci sono ottimi rapporti tra Comune e società. La demolizione della Curva Sud inizierà presto, ma per scaramanzia non voglio indicare date»

di Bruno Ferretti

Il 2019, comunque andranno le cose (ovviamente augurando a tutti il meglio) sarà ricordato dagli ascolani come l’anno dei 36. Già perché a giugno é stato eletto sindaco, a soli 36 anni Marco Fioravanti. E, sempre a giugno, l’Ascoli Calcio ha scelto come allenatore Paolo Zanetti, anche lui di 36 anni. Marco é il più giovane primo cittadino della storia del capoluogo piceno, Paolo il tecnico più giovane della Serie B. Quest’ultimo, veneto di Valdagno, ha solo tre mesi più del sindaco ascolano.

Fioravanti é un grande tifoso dell’Ascoli. Lo é sempre stato. «Avevo 6 anni quando ho cominciato a frequentare lo stadio con mio padre» rivela Marco con una punta di commozione ricordando il papà che non c’è più. E continua a seguire la squadra del cuore con particolare passione.

Il sindaco Fioravanti (a destra) con il presidente dell’Ascoli Calcio, Giuliano Tosti

Fioravanti, che impressione le fa la nuova squadra?

«Un’ottima impressione. Siamo appena alla prima partita e ogni valutazione é solo indicativa, ma ho notato che ci sono valori tecnici importanti, un buon legame fra i reparti. Il finale di partita con il Trapani dimostra che c’e fame di vittorie. Vedo fondamenta solide su cui Zanetti potrà lavorare».

Lei é sempre andato in curva, adesso come sindaco, dovrà spostarsi in tribuna?

«Io preferisco andare in Curva Nord o nella Tribuna Est Mazzone, fra la gente, con gli amici. Andrò in tribuna centrale quando la mia presenza sarà necessaria per motivi istituzionali. Spesso ho seguito l’Ascoli anche in trasferta e spero di poterlo fare anche quest’anno, almeno qualche volta. Domenica a Frosinone? Alcuni amici mi hanno esortato ad andare con loro, ma é difficile che possa farlo perché si gioca alle 21 e lunedì mattina ho alcuni impegni. Comunque ci sto pensando».

Dove potrà arrivare l’Ascoli?

«L’obiettivo playoff é certamente raggiungibile ma… non ci poniamo limiti perché potrebbe puntare anche a qualcosa di più. Non dobbiamo mai smettere di sognare».

In occasione della presentazione del calendario di B, ad Ascoli, con il presidebte della Lega B, Mauro Balata

Torniamo alla squadra. Fra i calciatori c’è qualche preferito?

«Mi piace come gioca Gerbo che sa dare equilibrio al centrocampo. Scamacca ha fisicità ma anche qualità tecniche, e soprattutto una maturità superiore ai suoi 20 anni: puo’ raggiungere altissimi livelli con un grande futuro in Serie A. Scamacca ha tutti mezzi per ripercorrere le orme di grandi attaccanti come Quagliarella e Zaza che proprio da Ascoli hanno spiccato il volo».

Fioravanti sindaco-tifoso: condivide questa definizione?

«Mi piace. Per quanto possibile voglio essere vicino alla squadra per rappresentare, e magari trasmettere, il calore e la passione degli ascolani. Prima della partita col Trapani sono andato a trovare Zanetti e la squadra in ritiro. Ho esortato tutti ad avere sempre un elevato senso di appartenenza alla città e alla squadra che la rappresenta. A dare il massimo per onorare la gloriosa maglia bianconera che indossano. Mi sembra che quest’anno ci sia davvero un ottimo gruppo».

Con il presidente nazionale della Federcalcio, Gabriele Gravina

Non tutti lo sanno ma Marco Fioravanti, da ragazzo, é stato un calciatore dilettante. Il suo ruolo era mezz’ala. «Ma non sono andato oltre la Seconda categoria» si schernisce il sindaco sorridendo. Ha fatto campionati giovanili con Elettrocarbonium e Monticelli, dilettanti con Porta Romana. Poi scuola e lavoro. Prima impieghi estivi occasionali, poi il diploma, sette anni in fabbrica e gli studi universitari (laurea in Scienze Politiche a Macerata, ndr). Infine la carriera politica nella quale Marco ha bruciato le tappe diventando uno dei sindaci più giovani d’Italia in città capoluogo.

Fioravanti, ultimo, inevitabile argomento: lo stadio Del Duca. É mai possibile che ci siano già infiltrazioni di acqua nella Tribuna Est Mazzone inaugurata meno di quattro mesi fa? A che punto è la demolizione della Curva Sud? Quando vedremo la nuova?

Con il nostro Bruno Ferretti

«Rispondo con ordine. Il problema infiltrazioni verrà presto risolto. L’eccezionalità della pioggia ha causato piccoli problemi tecnici nella tettoia, ma sono facilmente risolvibili. Posso assicurare che le infiltrazioni di acqua piovana saranno eliminate. La demolizione della Curva Sud inizierà presto, ma per scaramanzia non voglio indicare date. I lavori sono già finanziati. Poi incontreremo l’Ascoli Calcio per la ricostruzione che sarà molto impegnativa. Fra Comune e società sportiva ci sono ottimi rapporti e la comune volontà di risolvere il problema. Sono certo che troveremo la soluzione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X