facebook rss

Con “Masterplan Terremoto” tornano a vivere
17 antiche mulattiere dell’Acquasantano

ACQUASANTA - Sono le strade che un tempo collegavano le numerose frazioni sparse nel territorio del centro termale. Il progetto, sviluppato insieme ad Arquata e finanziato dalla Fondazione Carisap, è realizzato dall'associazione "Pro Acquasanta Terme" e dalla Pro Loco. L'obiettivo è incentivare il turismo per far riprendere quota all'economia

Il sindaco Sante Stangoni (Foto Vagnoni)

La Bottega del Terzo Settore di Ascoli ha ospitato la presentazione dell’iniziativa che prevede la riapertura di ben 17 antiche mulattiere che un tempo servivano a collegare le varie frazioni sparse nell’Acquasantano. Il progetto, sviluppato dai Comuni di Acquasanta Terme e Arquata del Tronto, insieme ad altri 21 partner, è finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli e fa parte di “Masterplan Terremoto”, il progetto a più ampio raggio che si pone come obiettivo, favorire la ripartenza del territorio.

Queste riaperture possono contribuire alla creazione di una rete sentieristica in grado di incentivare il turismo e quindi ricucire il tessuto strutturale ed economico delle aree del cratere. Il progetto si chiama “Le antiche vie mulattiere dell’acquasantano” ed è realizzato dall’Associazione Turistica Pro Acquasanta Terme insieme alla Pro Loco. Le spese si aggirano sui 163.000 euro, di cui 147.000 finanziati dalla Fondazione Carisap e 16.000 dal Comune di Acquasanta.

L’assessore Elisa Ionni (Foto Vagnoni)

Elisa Ionni, assessore comunale al turismo e alla cultura di Acquasanta: «Il valore del progetto è economico ma anche sociale. ne siamo tutti orgogliosi perchè il territorio sta rispondendo bene a queste progettualità che possono sopperire ai danni inferti dal sisma». Il sindaco Sante Stangoni: «C’è tanta voglia di ripartire, ma non si può prescindere dalla ripresa economica e sociale».

I 17 sentieri, per un totale di 90 chilometri, sono divisi in sei aree. Il recupero prevede anche una mappatura delle antiche mulattiere. Le aree individuate sono: Sentiero dei Briganti, Monastero-Castello-Mulino, Sentiero della Fortezza, Nel cuore della Laga, Le vie dell’Acqua, Il sentiero delle terme. I prini tre sentieri saranno riaperti a settembre, l’intero progetto si concluderà all’inizio del 2021


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X