facebook rss

Slow Food Favalanciata,
nasce una Comunità
per la valorizzazione delle fave

ACQUASANTA TERME - Importante riconoscimento per il piccolo borgo dopo l'intensa attività svolta in poco più di un anno. A sancirlo è stato Carlo Petrini, fondatore del movimento a salvaguardia delle biodiversità nel mondo

Nasce la “Comunità Slow Food” di Favalanciata per la valorizzazione delle fave. Un importante riconoscimento giunto in questi giorni per il piccolo borgo nel comune di Acquasanta. L’intensa attività svolta in poco più di un anno dal progetto socio gastronomico “La Favalanciata”, ha acceso i riflettori sulla omonima frazione a livello nazionale e internazionale. Una lettera firmata da Carlo Petrini – fondatore del movimento a salvaguardia delle biodiversità nel mondo – ha sancito l’ingresso della comunità di Favalanciata nella grande famiglia Slow Food. La cura degli orti privati, la tradizione che si tramanda di padre in figlio e la voglia di tornare alla normalità dopo le conseguenze del sisma del 2016 sono stati il mix che hanno attirato ispirato l’importante riconoscimento.

Il portavoce della neonata comunità Slow Food, Matteo Mattei, ringrazia a nome di tutta Favalanciata il presidente nazionale Slow Food, Fabrizio Dellapiana, Carolina Modena coordinatrice internazionale progetti e presidi, Nelson Gentili della locale condotta picena, Giocondo Ansidei e tutti i vertici Slow Food che già sono stati di persona a Favalanciata lo scorso luglio a portare il loro supporto e la loro voglia di fare emergere questa nuova realtà. Un pensiero speciale, continua il portavoce Mattei, anche al Consorzio Parmigiano Reggiano che ha dato il via a tutto ciò.

L’istituzione della comunità del cibo ha come obiettivo quello di sviluppare ed incrementare l’attività di coltivazione ampliando il mercato locale riservato prevalentemente alla fava fresca. Tale collaborazione permetterà alla Comunità di Favalanciata di partecipare sia a Terra Madre 2020 che alla manifestazione Slow Beans, in programma a novembre a Gallipoli, una rete di comunità custodi di legumi che da anni valorizzano la produzione e la conservazione della biodiversità internazionale di centinaia di varietà di legumi. Il prossimo appuntamento atteso è quello di Cheese, la manifestazione organizzata a Bra (Cuneo) dallo Slow Food il prossimo 21-22 settembre. Durante la giornata del sabato, alla presenza dei vertici di Slow Food Italia e il Consorzio Parmigiano Reggiano verrà ufficialmente presentata alla rete internazionale la nuova comunità di Favalanciata.

Slow Food a Favalanciata: promossa la crema nata dopo il sisma

Crema “Favalanciata”, la bontà nata dopo il sisma sbarca al Fico di Bologna

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X