facebook rss

Sfide social, paura e pericolo:
la bambina maledetta di “The Ring”
arriva anche ad Ascoli

SAMARA CHALLENGE è il nome dell'ultima trovata giovane che spopola sul web. Consiste nel travestirsi come il personaggio horror del film per spaventare i passanti e farsi immortalare durante la bravata. Un gioco rischioso non solo per le vittime. Lo scatto di piazza Roma, che però potrebbe essere un fotomontaggio

Lo scatto (o il fotomontaggio?) di piazza Roma

di Luca Capponi 

Milioni di spettatori in tutto il mondo hanno visto “The Ring” di Gore Verbinski (2002), remake di un bell’horror giapponese. E, di conseguenza, sono a conoscenza di Samara Morgan, il più terrificante dei personaggi del film. Sono pochi, però, almeno tra i più adulti, a conoscere il “Samara Challenge”, l’ennesima trovata di questo mondo annoiato sospeso tra il virtuale ed il reale. Trattasi di un gioco lanciato appunto sul web in cui il protagonista, solitamente una ragazza (ma non è detto), si traveste proprio da Samara; vestaglia bianca e capelli neri a coprire il viso da movenze sconnesse e atteggiamenti minacciosi per le coronarie. Dopodiché, si lascia immortalare da video o foto per postare la bravata sui social.

La locandina dell’horror giapponese

Un gioco, una sfida, uno scherzo come un altro, si dirà. O forse no. Perché la cosa, partita alla chetichella, è divenuta virale in un amen toccando diverse zone d’Italia. Con tutte le conseguenze del caso, tra reazioni scomposte di chi si trova davanti la losca figura (calci e botte vanno per la maggiore) e persone che si sono sentite male per lo spavento. Tanti gli effetti negativi, che tra l’altro si ripercuotono spesso sugli stessi artefici della messa in scena.
Ora che la “moda” è arrivata anche ad Ascoli, con lo scatto di piazza Roma che ha fatto in breve il giro dei vari Facebook, Instagram e Twitter, il dibattito si è inevitabilmente infiammato. Saranno contenti i commentatori da tastiera, che stavano attraversando un periodo di preoccupante stasi dovuto all’assenza di argomenti stuzzicanti. Se poi l’immagine sia frutto di un lavoro di fotomontaggio o sia davvero reale, a questo punto, poco importa. L’importante è che i nostri ragazzi abbiano trovato un nuovo svago con cui ammazzare la noia. Segno, ahinoi, dei tempi che cambiano:
ma quanto ci mancano i vecchi scherzi di una volta…

“Samara challenge” a Civitanova, arrivano Polizia e Carabinieri


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X